Il capogruppo della lista “Cambiamo Insieme” Margheri si mostra soddisfatto ed entusiasta per la manifestazione svoltasi all’ex ospedale di Luco lo scorso sabato. Sottolineando i traguardi raggiunti in proposito dalla sua cerchia politica, chiama in causa il Sindaco Omoboni. Di seguito il comunicato che ci ha inviato:

“Grande successo a Luco per la manifestazione che ha focalizzato l’attenzione sull’ex ospedale. È fondamentale mantenere alta l’attenzione su di una struttura che tanta parte ha nell’identità della popolazione di Luco e di tutto il Mugello. Ora si tratta di trovare una destinazione vera e perseguirla con ferma determinazione, altrimenti il degrado riprenderà il sopravvento. Intanto vanno bene gli stanziamenti per un minimo di conservazione. Siamo particolarmente contenti perché è grazie agli esposti alla Corte dei Conti e alla Procura di cui siamo stati promotori, insieme alle tante persone che lo hanno firmato, che la Regione toscana è stata costretta ad intervenire e quindi la manifestazione di sabato ha potuto svolgersi. Per onore della verità va detto che l’esposto non ricevette la firma del sindaco Paolo Omoboni, probabilmente attento a non turbare personaggi regionali che potevano aiutarlo nella sua carriera. E qui sta una questione politica fondamentale per Borgo: chi l’amministra deve essere libero, non deve subordinare le proprie azioni ad equilibri che nulla hanno a che fare con le aspirazioni e gli interessi delle persone. Speriamo che questo ragionamento contribuisca a scelte elettorali consapevoli”.