Un lettore ci segnala

In Italia per fare sport occorre la visita medica sportiva agonistica, o non agonistica, a seconda dei casi e la Regione Toscana con la Legge R. 35 del 2003 ne disciplina l’argomento. Le tabelle del Ministero della Sanità approvate il 2 giugno 2018 e trasmesse il 
2 luglio 2018 alle Regioni e agli Assessori sanciscono le modifiche di età per accedere alle visite sportive per le singole Associazioni, Fedrazioni sportive E.P.S. etc.  riconosciute dal Coni. Per molte visite agonistiche è  prevista la gratuità sino ai 18 anni. Ma dagli intenti passiamo poi alla realtà: il sistema non funziona così a Borgo San Lorenzo! Fino a luglio dell’anno scorso, andando a fare la prenotazione per la visita sportiva al CUP, gli operatori rispondevano che era possibile farla ma con tanta pazienza. Tempi biblici di prenotazione con  frazionamento delle varie visite necessarie  in più giorni, a volte anche a notevole distanza dalla residenza dei richiedenti e spesso non gratuitamente . Il ragionamento con l’operatore si concludeva con il consiglio di rivolgersi a un istituto privato. 
Oggi si è aggiunto anche un nuovo problema. In pratica succede che a coloro che si rivolgono al CUP  per prenotare le visite sportive per minori, cosi come modificato dalle suddette tabelle, gli  viene risposto che questo non è possibile perché il programma software dei centri CUP (fatte salve poche eccezioni) che dà accesso alle prenotazioni non è stato ancora aggiornato con i dati delle tabelle ministeriali e quindi non è capace di ricevere la prenotazione. Anche in questo caso il personale addetto conclude dicendo che non ci si può far nulla e, come da copione precedente , consiglia di rivolgersi a privati. Ma le visite dai privati, seppure bravi, bene organizzati e veloci, costano. Le visite non agonistiche vanno da un minimo 30 euro  e quelle agonistiche in media dai 50 ai 70,  fino ad arrivare ai 150 euro. Si tratta quindi di visite non certo gratuite e certamente non per tutti. Come al solito quando si parla di sport, si afferma di dover migliorare e agire sotto vari aspetti, ma poi in concreto si pecca. Possibile che da nove mesi nessuno dei dirigenti e responsabili dei CUP si prenda la briga di risolvere il problema? Mi sono a questo punto trovato costretto a muovere istanza di reclamo, al fine di conoscere sia le motivazioni, che la prospettiva di normalizzazione dello svolgimento delle visite mediche sportive alla Asl di Borgo San Lorenzo, che sono tutte sospese da quasi due mesi. Inoltre chiedo di conoscere il motivo per il quale i cup di Borgo non ricevono istanze di prenotazione di visite mediche sportive così aggiornate come da circolare del Ministero della Salute.

Emanuele Mencaglia (Presidente della Società sportiva “Il Lupo Figth Club”)