Margheri denuncia un atteggiamento di ostilità da parte de “Il Filo”

“Da quando ho annunciato la mia candidatura a sindaco di Borgo San Lorenzo – afferma Margheri – anche attraverso un appello a coloro che avessero condiviso i miei primi spunti programmatici, invito che poi è stato raccolto dalla Lega, da Fratelli d’Italia, dal Popolo della Famiglia e dall’Udc, da parte del giornale one line “il Filo” è iniziato un atteggiamento di manifesta ostilità che – a mio avviso – andava ben oltre una pur aspra polemica politica. Si martellava incessantemente che la mia era una coalizione schiacciata a destra e, considerata anche l’alleanza con la Lega, a sfondo – si faceva intendere –razzista. Io non mi sono mai guardato dall’alto per vedere se ero al centro, spostato a sinistra o a destra. A me sono sempre interessate le cose fatte e da fare. È il loro intrinseco valore che ne determina la qualità e quindi il giudizio che gli altri ne possono dare. E poi, la divisione che a me piace è quella di azioni buone o azioni cattive! Adesso ho elaborato il programma, tutti lo possono leggere sui nostri social, ed è su quello che gradirei venisse dato un giudizio, critico o di apprezzamento non importa, ma un giudizio di merito, non preventivo o, per meglio dire, prevenuto. Io credo che se ci attenessimo a questi criteri la discussione politica ne guadagnerebbe parecchio e, con essa, la qualità delle decisioni che democraticamente verranno assunte”.