Il Candidato Sindaco di “Borgo in Comune”  Leonardo Romagnoli:  “Giuste le rivendicazioni del personale scolastico e dei genitori, ma non dimentichiamo le responsabilità politiche dell’Amministrazione comunale. Il comprensivo fu una scelta sbagliata”

“Se si arriva al caso unico in Toscana di uno sciopero di istituto è evidente che il dialogo tra le varie componenti della comunità scolastica è saltato. – scrive Romagnoli in una nota –  Non si può dimenticare però il ruolo giocato in tutto ciò dalle scelte sbagliate fatte dalla politica, in primo luogo dell’Amministrazione comunale. Ciò che l’Amministrazione poteva fare, e non ha fatto, era evitare di consegnare le scuole del primo ciclo di Borgo San Lorenzo al caos di un comprensivo senza le condizioni migliori perché potesse essere gestito. Di tutto questo anche l’Amministrazione è responsabile. Esattamente come fu responsabile a novembre scorso del tentativo di istituire un omnicomprensivo tra il Giotto Ulivi e il comprensivo di Marradi.  Solo dopo la musica arrivò infatti la contrarietà dell’Unione dei Comuni, con il suo presidente Omoboni […].

(Il seguito dell’articolo puoi leggerlo su “Il Galletto”, in edicola fino a sabato 11 maggio)