Sandra Cerbai di “Borgo in Comune” contro l’Assessore Saccardi

“Il filosofo greco Zenone, allievo di Parmenide, riuscì a dimostrare che Achille, detto “Piè Veloce”, non riusciva a vincere la corsa con una tartaruga, animale lentissimo. Come dimostrare che il bianco è nero, che il bello è brutto, che il buono è cattivo. Quando ho letto sulla Nazione le affermazioni dell’Assessore Saccardi ho subito pensato alla corsa di Achille con la tartaruga, all’impossibile che diventa possibile. Voli di logica, fantasia e creatività, sofismi che l’assessore riesce a fare con disinvoltura. Ma davvero è convinta che una macchina di ultima generazione collocata in una struttura privata, sia un ulteriore servizio offerto al territorio, mentre abbiamo un Ospedale col pronto Soccorso privo di TAC? Ulteriore? La bellezza della lingua italiana sta proprio nell’offrire sinonimi, e sinonimi di ulteriore sono: “successivo”, “seguente”, “aggiuntivo”, “oltre”… E allora, l’aggettivo “ulteriore” riferito alla TAC inaugurata alla Misericordia non solo è inappropriato perché suona offensivo verso tutti i cittadini del Mugello, ma è scorretto pure linguisticamente. Anche quando venne inaugurato l’apparecchio per la Risonanza Magnetica si parlò di ulteriore servizio offerto alla cittadinanza perché una convenzione tra Pubblico e Privato avrebbe […]”.

Il seguito dell’articolo puoi leggerlo su “Il Galletto”, in edicola da sabato 18 maggio.