A ormai qualche mese dalle elezioni amministrative si sta delineando il quadro delle nomine nelle istituzioni sovracomunali del Mugello. Il Sindaco di Marradi Triberti sarà consigliere delegato (più o meno i compiti di un assessore) alla città metropolitana fiorentina, quello di Vicchio Filippo Carlà Campi sarà il Presidente della società della salute, scelta forse dettata anche dal fatto che Carlà è un professionista del settore sanitario. Sembra sia stato raggiunto l’accordo anche per il Presidente dell’Unione Montana dei Comuni del Mugello. Il designato per questa poltrona è il sindaco di Palazzuolo Giampiero Moschetti. Tutti e tre i sindaci indicati appartengono al PD e questo è nella norma perché i democratici esprimono la quasi totalità dei sindaci mugellani. Le sorprese appaiono invece altre. Due delle cariche verranno assegnate ai sindaci dei piccoli comuni dell’Alto Mugello, mentre restano esclusi quelli dei comuni più importanti come Borgo, Scarperia e San Piero, Barberino. Forse i contrasti tra “aspiranti forti” hanno fatto pendere l’ago verso altre soluzioni che gli hanno esclusi? Come fa pensare il fatto che si siano scelti due sindaci di prima nomina: Carlà alla Società della salute e Moschetti all’Unione che presumibilmente hanno meno pratica della macchina amministrativa, anche se Moschetti vanta una lunga esperienza politico-amministrativa fuori dal Mugello e ci auguriamo che possa spenderla al meglio anche sul nostro territorio. Comunque sia sarebbe forse opportuno che i primi cittadini spiegassero anche ai cittadini semplici queste “stranezze” nelle scelte, magari quando i giochi saranno ufficialmente fatti.

Pietro Mercatali