Filippo Carlà Campa, neo presidente della Società della Salute, inizia il proprio incarico dando una buona  notizia: il progetto presentato dalla SdS e denominato “SFIDA Mugello – Sostegno Forme di Intervento Domiciliare per Autonomia Mugello”, che si propone come obiettivo principale di facilitare la permanenza al proprio domicilio delle persone affette da demenza nella fase iniziale della malattia e gravemente non autosufficienti, è stato infatti ammesso al finanziamento regionale per un importo complessivo di € 210.912.
Carlà Campa, oltre a ringraziare la Regione, e in particolare l’assessore Saccardi, per l’opportunità offerta dal bando regionale, si è complimentato con i dipendenti della Società della Salute Mugello e della Asl Toscana Centro, sottolineando come tra gli obiettivi principali vi  sia un incremento dei servizi. Nello specifico ecco come è strutturato il progetto:
1) Assegnazione Buono Servizio da un minimo di € 3.000 a un massimo di € 4.000 con un budget zonale di euro 44.291,52 per interventi come: supporto relativo all’attività di base di igiene e prevenzione cadute; formazione specifica del care-giver e dei familiari sui metodi di stimolazione cognitiva; attività di fisioterapia e relativa acquisizione di tecniche specifiche da parte del care-giver e dei familiari; interventi di AFA a gruppi chiusi di 8-10 utenti e attivazione del servizio di Supporto Psicologico alla famiglia; frequenza a Centri Diurni, Caffè Alzheimer e Atelier Alzheimer; Musei dedicati alle persone con Demenza.
2) Contributi economici mensili per potersi dotare di un assistente familiare per almeno 26 ore settimanali, da un minimo di € 400 a un massimo di € 700, correlato al valore ISEE e per un limite di 18 mensilità equivalenti alla durata del Progetto stesso con un budget zonale di euro 166.620,48, riservati a persone ultra 65enni o di età inferiore ai 65anni con patologie degenerative assimilabili al decadimento cognitivo.