“La Maggioranza rende impossibile alle vittime fidarsi delle istituzioni” dichiara l’On. Stefano Mugnai dopo l’ennesimo rinvio della commissione parlamentare d’inchiesta sui fatti del Mugello

«Io porto qui la voce delle vittime del Forteto. – ha dichiarato in Aula il parlamentare di FI che segue la vicenda del Forteto fin dall’arresto del Fiesoli – Non so se il rinvio dell’insediamento della Commissione bicamerale d’inchiesta sul Forteto, assieme a quella sulle banche, sia da imputare alla volontà di non fare luce su questa orribile vicenda o a mercato di poltrone o altro. So però che qui abbiamo a che fare con persone, vittime di quella comunità-setta che oggi sono giovani e adulti, ma che da bambini sono state collocate per mano istituzionale nell’antro dell’orco».

«Persone che hanno difficoltà a fidarsi ancora delle istituzioni ma che, alla notizia che sarebbe stata istituita sul Forteto una commissione parlamentare d’inchiesta, hanno avuto un sussulto di fiducia nella massima assise repubblicana del nostro Paese. Ecco, lo spettacolo indegno che stiamo dando con questi continui rinvii dell’insediamento è vergognoso e compromette tutto il lavoro effettuato in Consiglio regionale della Toscana per far comprendere che non tutto lo Stato è l’aguzzino delle loro esistenze ma che esistono le condizioni per portare una parola istituzionale di verità e giustizia”. Poi l’On. Mugnai si è rivolto ai banchi della maggioranza con parole d’accusa:  “State compromettendo tutto questo percorso virtuoso”.