Oggi è la giornata mondiale dei donatori di sangue, la festa dedicata a chi dona parte di sé.

Quest’anno la ricorrenza si inserisce in un periodo storico particolare che in un modo o in un altro ha segnato le vite di tutti, in questa lotta anche i donatori hanno fatto la loro parte, donando costantemente durante il lock down e quindi mantenendo costante l’afflusso di sangue ed emoderivati, inoltre non ci scordiamo del vitale contributo dei donatori di plasma iperimmune.

Come Avis Vicchio vorrei ringraziare tutti i donatori del nostro comune e invitare tutti i nostri concittadini che ne hanno la possibilità a intraprendere questo percorso.

Con l’allentamento delle misure di sicurezza e il graduale ritorno alla normalità purtroppo il fabbisogno di sangue è tornato ad aumentare, a tal proposito vi invito a visitare la seguente pagina, dove viene riportata una fotografia aggiornata della necessità di sangue in toscana https://web2.e.toscana.it/crs/meteo/.

Come potete vedere c’è carenza per molti gruppi sanguigni e il modo migliore per poter garantire un continuo e costante afflusso è aumentare il bacino di donatori.

Oggi alle ore 10:00 sul sito di AVIS Nazionale verrà pubblicato un video con le testimonianze che i donatori di ogni Paese del mondo hanno voluto inviare per spiegare cosa significhi per loro questa data e quanto importante sia stata la scelta di donare il sangue. Voci e volti che si alterneranno in un continuo “Fil Rouge”. Nel pomeriggio, attraverso i canali social di AVIS, verrà rilanciato il documentario “Senza confini”, presentato lo scorso marzo, che aveva visto la partecipazione delle atlete di ginnastica ritmica.

Concludo riportando le parole di ieri del presidente di Avis Nazionale:

“Il coronavirus ha sicuramente posto l’attenzione sull’emergenze sanitarie e sulla necessità di garantire una risposta continua al fabbisogno di cure e noi con il nostro impegno personale e associativo siamo chiamati a rispondere responsabilmente a questa inderogabile necessità. La giornata mondiale del donatore nasce appunto per ribadire che tale fabbisogno non cessa mai ma anzi è costante durante tutto l’anno e che deve essere garantito ad ogni malato indipendentemente dalla latitudine dalle condizioni sociali dalla razza religione o appartenenza politica ma soprattutto nasce per ribadire che questo bisogno di sangue e farmaci plasma derivati và soddisfatto con il contributo di donatori volontari anonimi generosi e non remunerati, attraverso un gesto etico e di umana solidarietà e rispetto verso il donatore e il ricevente.”

Inoltre ci teniamo a informare tutti i donatori che da domani fino al 15 dicembre a tutti i donatori verrà proposto l’effettuazione del test sierologico al momento della donazione.

Per informazioni o per prenotare la donazione potete scrivere al 388/5845259 o a vicchio.comunale@avis.it

Presidente AVIS Vicchio

Matteo Ganassi