Grande successo per l’incontro organizzato ieri a Barberino del Mugello dalla Confcommercio. In sala oltre sessanta imprenditori insieme ad esponenti delle amministrazioni locali, come l’assessore al turismo dell’Unione dei Comuni Federico Ignesti, il sindaco di Barberino Giampiero Mongatti e il vicesindaco Sara Di Maio.

È altissimo l’interesse degli imprenditori del Mugello per il turismo, che anche in prospettiva risulta essere l’ambito economico con i migliori margini di sviluppo. Lo dimostra il successo dell’incontro organizzato ieri, 21 febbraio, dalla Confcommercio all’Hotel Barberino di Barberino del Mugello.  L’iniziativa fa parte di una  progettualità elaborata da Confcommercio all’interno della Camera di Commercio di Firenze, in un’ottica di sinergia e collaborazione con le associazioni delle altre categorie economiche dell’industria, dell’artigianato e dell’agricoltura.

Al centro del dibattito, coordinato dalla responsabile della Confcommercio mugellana Benedetta Berti con la responsabile del turismo di Confcommercio Toscana Laura Lodone, le nuove modalità di lavoro da attuare per incrementare i flussi turistici e la permanenza. “Bisogna agire nell’ottica della rete pubblico-privato, come prevede anche il nuovo sistema di governance regionale del turismo con la definizione degli Ambiti Territoriali. Solo così possiamo arrivare alla definizione di veri prodotti turistici per il Mugello, individuando il biglietto da visita migliore con cui presentarsi sul mercato”, ha spiegato la responsabile del turismo Laura Lodone.

“Nell’ottica dell’ambito turistico, è fondamentale che aumenti la collaborazione tra enti pubblici e privati, soprattutto per incrociare le infrastrutture e i luoghi dove si possono svolgere le attività”, ha confermato l’assessore al turismo dell’Unione dei Comuni Federico Ignesti, “è fondamentale che i servizi offerti siano chiari e ben riconoscibili, ed è importante anche mettersi nell’ottica dell’istituzione di una figura come il destination manager”.

“Come Confcommercio ci siamo fatti carico delle idee e delle proposte degli operatori per fare da collante, aiutare nella progettazione e soprattutto far capire alla pubblica amministrazione che il Mugello è pieno di imprenditori pronti a investire e a sviluppare nuovi progetti, hanno bisogno però di avere delle linee guida e delle macro aree di sviluppo che solo la pubblica amministrazione può decidere”, spiega la responsabile della Confcommercio mugellana Benedetta Berti.