PROGRAMMA

Siamo un gruppo di cittadini accomunati da un forte affetto per il nostro Comune e uniti dal desiderio di rinnovare il nostro territorio dal punto di vista economico, ambientale, sociale e culturale. Non vogliamo più che Firenzuola venga considerata come un’area marginale, da sfruttare solo per ospitare infrastrutture di cui le città metropolitane non vogliono farsi carico, come discariche, o grandi opere nazionali, né come riserva di manodopera, né come zona di turismo occasionale e a buon mercato. Firenzuola deve tornare ad essere soggetto e non più oggetto delle attenzioni politiche e istituzionali, rapportandosi costantemente con le istituzioni, facendo sentire la propria voce e pretendendo un cambio di atteggiamento. In particolare, la nostra amministrazione vuole porre al centro del suo impegno il rilancio dell’economia e del lavoro, attraverso la creazione di nuove opportunità lavorative, valorizzando ogni risorsa e sfruttando al meglio ogni potenzialità che il nostro bellissimo territorio ci offre, anche facendo leva sugli strumenti di finanziamento offerti dalle leggi Nazionali e della Comunità Europea.

Servizi culturali

  • Mantenere e qualificare in modo costante la rete dei presidi consolidati da tempo, come la Biblioteca Comunale, il cinema, la scuola di musica, i musei del territorio, etc. ;
  • organizzare visite guidate, fruizione di mostre, concerti e manifestazioni esterne al Comune;
  • rivisitare l’offerta della manifestazione “Dal Bosco e dalla Pietra” e promuovere il programma dell’”Estate firenzuolina”;
  • istituire la Fondazione dedicata a Pier Carlo Tagliaferri;
  • creare spazi culturali ad hoc e organizzare attività extrascolastiche per i ragazzi.

Servizi educativi e scolastici – Formazione professionale 

  • Difendere con fermezza la permanenza dell’Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani;
  • arricchire l’offerta formativa, mantenendo i “tempi lunghi” e aprendo una scuola estiva ecologica;
  • raccordare la progettualità della scuola con le offerte di tutte le Associazioni del territorio, anche valorizzando la Consulta dei genitori;
  • attuare la normativa del sistema 0/6 anni promosso dalla Regione Toscana;
  • istituire corsi di formazione per professionalità collegate alle risorse del territorio.

Servizi socio-sanitari e servizi per gli anziani 

  • Mantenere la qualità dei servizi del Distretto socio-sanitario, aumentare i medici specialisti e conservare il quarto medico di famiglia;
  • recuperare almeno due posti letto sanitario per i residenti;
  • conservare i servizi di primo soccorso, emergenza e guardia medica presso la Misericordia;
  • intensificare il servizio di assistenza sociale;
  • collaborare con le Case di Riposo per il mantenimento dei servizi erogati agli anziani;
  • valorizzare la Misericordia nelle varie qualificate attività e il volontariato che la sostiene.

Connettività 

  • Dotare il territorio e, in particolare, tutti i centri abitati, della rete in fibra ottica, della copertura telefonica e radiotelevisiva;
  • attivare aree free Wi-Fi nel capoluogo e in alcune frazioni;
  • dotare gli edifici pubblici di adeguati strumenti tecnologici;
  • occuparsi del monitoraggio e della sollecitazione degli interventi a carico delle compagnie telefoniche.

Trasporto pubblico e sicurezza stradale

  • Attivare un costante programma di interventi di manutenzione e messa in sicurezza della segnaletica verticale e orizzontale e delle barriere guard-rail;
  • migliorare il piano del trasporto pubblico e del TPL (Trasporto Pubblico Locale), dal punto di vista di mezzi, orari, costi, tratte e pensiline;
  • attuare interventi per ridurre le spese di viaggio sui mezzi pubblici per facilitare la frequenza degli studenti agli Istituti di Istruzione Superiore di Borgo San Lorenzo, di Imola e di Loiano.

Collegamenti stradali

  • Completare l’infrastruttura viaria di collegamento con il casello autostradale, rivendicando le ingenti risorse da tempo previste;
  • richiedere in via prioritaria la sistemazione della strada del Giogo e la messa in sicurezza del ponte sul Santerno del capoluogo, con passerella pedonale come da finanziamenti non attivati;
  • destinare adeguate risorse nella viabilità minore, comunale e vicinale;
  • affinare il programma di spalatura della neve e spargimento del sale;
  • garantire in maniera organica la manutenzione delle strade vicinali con un bando biennale e la creazione di relativi consorzi.

Strumenti urbanistici, opere pubbliche ed energie alternative 

  • Snellire la burocrazia nelle procedure edilizie e abbattere gli oneri per le attività produttive e commerciali;
  • monitorare l’adeguatezza del Piano Cave ed effettuare i ripristini;
  • migliorare la manutenzione dei numerosi alloggi e immobili di proprietà del Comune, tra cui le scuole;
  • abbattere gli oneri di urbanizzazione per il miglioramento energetico e la costruzione di edifici a consumo zero;
  • ampliare l’offerta di loculi e ossari nei cimiteri e curarne la manutenzione;
  • abbattere le barriere architettoniche tramite il P.E.B.A. (Piano Eliminazione Barriere Architettoniche);
  • modernizzare gli impianti di illuminazione pubblica e le piste ciclabili e pedonali sul territorio;
  • favorire l’installazione di adeguate forme di energie alternative in siti idonei.

Amministrare il presente… 

Ricostruendo la fiducia nella collettività e nelle potenzialità del territorio 

  • Promozione di forme di partecipazione permanente: tavoli di lavoro con gli operatori economici, le Associazioni e creazione della Consulta dei giovani;
  • gestione condivisa e attenta ai bisogni concreti di tutti i cittadini;
  • raccogliere le esigenze delle realtà produttive garantendo loro un supporto amministrativo;
  • no alla discarica, controlli trasparenti.

…Guardando al futuro

Prima il lavoro: promozione delle eccellenze e delle imprese locali favorendo la nascita di un “laboratorio della montagna”

  • Elaborare progetti per arginare lo spopolamento utilizzando i fondi regionali, nazionali e europei, offe dalla strategia per le aree interne e per i piccoli comuni;
  • valorizzare l’agricoltura puntando sulla territorialità e su prodotti salutari anche attraverso il marchio De.Co;
  • sviluppare il turismo e il commercio con un investimento pilota su una piattaforma nazionale e internazionale;
  • sostenere il marchio “pietra serena” facendo rete con Università, studi di progettazione e restauro, corsi innovativi di formazione professionale, eventi e partecipazione a rassegne del settore.

Tutela e cura del territorio, viabilità e infrastrutture 

  • Recupero e valorizzazioni del paesaggio e degli edifici rurali abbandonati;
  • dialogo con le organizzazioni venatorie ed agricole per la creazione di un’eventuale ATC locale e di un progetto di trasformazione alimentare della fauna selvatica;
  • riduzione oneri urbanistici e contenimento tariffe e tasse comunali;
  • aumento della raccolta differenziata, della produzione di energie alternative e diffusione della connettività;
  • completamento infrastrutture viarie per il Casello autostradale, strada del Gioco e Montanara;
  • puntuali interventi di manutenzione e spalatura sulle strade comunali e vicinali.

Servizi al cittadino e coesione sociale 

  • Qualificazione del Distretto socio-sanitario con aumento di medici specialisti;
  • incremento presenza dell’assistenza sociale per diminuire il disagio sociale;
  • difesa dell’Istituto Comprensivo e delle sedi scolastiche di Firenzuola e Pietramala;
  • miglioramento dei trasporti locali, dei mezzi, degli orari e contenimento dei costi, soprattutto per gli studenti;
  • rapporto costante e sostegno all’Associazionismo sociale, culturale, sportivo e ricreativo.

Discarica e raccolta differenziata 

  • Contrastare fortemente l’ampliamento della discarica Il Pago e impegnarsi per la chiusura definitiva;
  • innalzare sensibilmente la raccolta differenziata, attualmente ferma al 24%, anche valorizzando il ruolo dell’isola ecologica;
  • pretendere corretti controlli ambientali pubblicandone i risultati;
  • garantire il regolare svuotamento dei cassonetti e il ritiro degli ingombranti.

Patrimonio rurale e aree demaniali 

  • Presentare in Regione un progetto per il recupero delle costruzioni rurali come le case agricole abbandonate;
  • utilizzare i mezzi finanziari in linea con gli strumenti e gli obiettivi previsti dalla legge 158/2017 sui piccoli Comuni;
  • agire per la restituzione di alcune aree demaniali all’uso pubblico (progetto Copser).

Aspetti naturalistici e miglioramenti ambientali

  • Consolidare aree e pendici a rischio frane e dissesto idro-geologico, dando priorità a quelli situati presso centri abitati e lungo la viabilità, in alcune frazioni del Comune;
  • riqualificare il corso del fiume Santerno e di altri torrenti;
  • garantire il completamento dell’impianto di depurazione a valle della frazione di Cornacchiaia;
  • valorizzare le aree di interesse naturalistico e culturale come quelle di Moscheta, Sasso di Castro e Covigliaio;
  • attivare corsi di formazione per guide e operatori turistici e agro-alimentari;
  • curare le aree verdi e i cimiteri presenti nelle frazioni e nel capoluogo direttamente o attraverso convenzioni con il terzo settore.

Caccia e pesca

Vogliamo valorizzare le risorse faunistiche e ittiche, collaborando con le associazioni venatorie e di pescatori. Come fare?

  • Favorire la cooperazione tra cacciatori e agricoltori, per migliorare le condizioni di entrambi;
  • identificare un’area dedicata alla caccia, creando un terzo ATC nel nostro comune;
  • valorizzare la macellazione della fauna selvatica, la trasformazione e commercializzazione di prodotti alimentari derivati da essa;
  • creare programmi equilibrati di ripopolamenti e abbattimenti;
  • dare sostegno burocratico alle iniziative volte all’allevamento di selvaggina;
  • promuovere mostre, manifestazioni e gare di pesca.

Artigianato e manifatture 

  • Dare sostegno alle attività manifatturiere e artigianali;
  • creare un tavolo per la partecipazione degli artigiani e degli imprenditori
  • avviare rapporti con le associazioni di categoria del Mugello e dell’Area metropolitana
  • dedicare una sezione del sito del Comune di Firenzuola alle attività produttive

Pietra serena

Vogliamo sostenere questo settore ed i suoi operatori, restituendo loro l’attenzione che meritano e valorizzando la materia prima che ci contraddistingue.

  • Sostenere e collaborare con il Copser;
  • incentivare il marchio di qualità, attraverso le lavorazioni artigianali e i rapporti con le Università, gli Istituti e le Agenzie di progettazione e restauro;
  • promuovere corsi di formazione, per creare nuove figure professionali da impiegare nei vari ambiti della pietra;
  • stimolare la collaborazione con i comparti delle pietre ornamentali della Toscana e stimolare la partecipazione degli operatori del settore a fiere edilizie;
  • creare una collaborazione con la Rassegna di scultura Antonio Berti;
  • organizzare nuovi eventi e rivalorizzare quelli già esistenti;
  • allestire lungo il corso di Firenzuola un impianto museale permanente a cielo aperto.

Turismo e commercio 

Vogliamo concepire l’intero territorio come un’infrastruttura per il turismo sostenibile fondato sulle risorse naturali, culturali e gastronomiche. Come realizzare questo progetto?

  • Avviare contatti con agenzie di turismo nazionale e internazionale, proponendo itinerari in collegamento con Firenze e Bologna;
  • valorizzare la specificità di Firenzuola all’interno della gestione turistica attuata dall’Unione dei Comuni, attraverso il marchio “Mugello”;
  • stimolare varie forme di turismo sostenibile, come trekking, mountain-bike, equitazione, etc.;
  • valorizzare i sentieri esistenti e creare nuovi percorsi a tema, come quelli dedicati a Dino Campana, Garibaldi e all’emigrazione;
  • formulare pacchetti turistici rivolti a specifiche fasce di utenza, quali bambini, pensionati, ciclisti e motociclisti;
  • favorire la creazione di B&B e di forme di “albergo diffuso”;
  • individuare spazi dismessi suggestivi, come cave o paesi abbandonati, per ospitare manifestazioni culturali;
  • rendere più funzionale la convenzione con la Proloco di Firenzuola;
  • migliorare il funzionamento dell’Ufficio Informazione Turistica e il sito internet, arricchendolo con materiale in inglese;
  • creare e organizzare una manifestazione collettiva e itinerante che coinvolga tutte le forme associative del Comune;
  • ridefinire l’assetto del mercato del lunedì a Firenzuola prevedendo agevolazioni per gli ambulanti;
  • creare almeno due aree attrezzate per i camper.

Agricoltura 

  • Attivare uno sportello agricoltura come regia per: conoscenza opportunità, bandi, promozione corsi di formazione, nascita start up e forme di dialogo con le istituzioni sovracomunali e le associazioni di settore;
  • operare una forte azione politica presso l’Unione dei Comuni e la Regione per incrementare i contributi comunitari;
  • dare nuova vita al marchio De.Co. per valorizzare la qualità dei prodotti locali, come carne, latte, marroni, farro, patate, miele, funghi e tanti altri;
  • rendere operativo il centro polifunzionale nei locali dell’ex macello con: spaccio per commercializzazione, sede adeguata marchio Marroni IGP Mugello, laboratorio trasformazione prodotti;
  • organizzare quattro manifestazioni annuali, una per ogni stagione, riqualificando “Dal Bosco e dalla Pietra”.