Opinioni a confronto

Che botta al castello di carte che avevamo messo per benino! Tutto cambia.

Eccezionale volatilità dei flussi elettorali, e non più solo per la Borsa! Vedi la parabola Renzi col PD dal 24% al 40% per tornare al 18%, vedi i 5 stelle atterrati con le europee al 17% dopo aver sfondato il 30% a livello nazionale, vedi la Lega raccolta da percentuali a una cifra e ora issata a quasi il 35%. Ma vengono tante indicazioni.

La lista Fratelli d’Italia non è stata prosciugata dalla Lega, anzi; l’elettorato dei 5 stelle che sarebbe stato di sinistra ha smentito tutti; la famosa prateria a sinistra del PD non c’è per niente: c’è purtroppo da rilevare che le liste di centro sinistra minori (Verdi, +Europa, Comunisti, La Sinistra) nazionalmente non passano il quorum e “buttano” l’8,06% di consensi, e in totale quasi 3 milioni di italiani rimangono senza rappresentanza. Il risultato è il 41% di italiani che alle europee hanno votato a destra (senza contare Forza Italia) e che aumenta in termini di seggi (…).

Il seguito dell’articolo puoi leggerlo su “Il Galletto”, in edicola da sabato 1 giugno