E’ quanto affermano i volontari che hanno collaborato con il Comune a realizzarla accanto al Parco della Misericordia e che ontinuano a cercare di mantenerla in ordine, pulendola e tagliando l’erba per portarci i loro cani a correre e ad allenarsi. “I nostri sforzi e la nostra attenzione non bastano più – dice Mauro, uno dei volontari “storici” – l’Area cani il giorno è diventata zona pic nic e c’è gente che ci bivacca invece di portarci il cane. La notte è peggio. La mattina troviamo siringhe, pentolini, lacci; è evidente che ci vengono non solo a farsi le canne, ma anche roba più pesante. Abbiamo un proposta da fare al Comune – continua Mauro – per vedere di dare un taglio a questo degrado che noi per primi non vogliamo. Stiamo costituendo un’associazione tra i proprietari di cani che usano l’area e chiederemo al Comune di affidarci in gestione l’impianto. Si potrà così limitare l’ingresso ai soli soci o a chi comunque la utilizza nel modo giusto secondo un regolamento che concorderemo con il Comune. L’area cani è come un impianto sportivo e a Borgo, come dappertutto, si fa così; l’associazione sportiva o degli appassionati – concludono i volontari -prende in gestione l’impianto comunale e garantisce che sia usato nel modo giusto e ne assicura la manutenzione e la pulizia”.