Sviluppo sostenibile della mobilità. Questa la strada che il Comune di Borgo San Lorenzo ha deciso di continuare a sostenere anche e soprattutto alla luce della situazione di emergenza legata al nuovo coronavirus che ci impone di rivedere il modo di spostarsi.

Le strade scelte dall’Amministrazione passano dalla prosecuzione e dall’incremento dei percorsi legati alla mobilità dolce, quindi pedonali e ciclabili. Alle piste già realizzato andranno ad aggiungersi quelle previste di collegamento tra la parte est e quella ovest del capoluogo, altre sono in fase di studio. Per recuperare spazi da destinare alla socialità mantenendo il distanziamento sociale saranno sperimentati ampliamenti delle aree ZTL e pedonali. Un percorso partecipato anche tramite questionari coinvolgerà i cittadini sulla mobilità del paese, mentre iniziative aperte alla cittadinanza, nei modi e nei tempi che saranno consentiti dall’emergenza, saranno organizzate per presentare il Piano Urbano del Traffico.

“Dal 18 maggio – afferma l’Assessore alla Mobilità Gabriele Timpanelli – parte la cosiddetta Fase2B, con un’ulteriore apertura controllata e graduale. La drammaticità della situazione che stiamo vivendo ci impone una seria riflessione su come ripensare i nostri spazi urbani e soprattutto i nostri spostamenti. Da tempo l’amministrazione comunale ha investito sulla mobilità dolce dotandosi di un suo piano, con una rete di percorsi ciclabili e pedonali, tra realizzati e in progetto, di oltre 24km. E su questo vogliamo continuare ad investire. Ma vorremmo fare di più. Per poter vivere gli spazi urbani in maniera adeguata e sicura. Purtroppo viviamo un momento pieno di interrogativi ma anche ora abbiamo il dovere di provare a dare soluzioni perché questa pandemia cambierà il nostro modo di vivere gli spazi. E dobbiamo tutti guardare a uno sviluppo di città sostenibili”.