Si è concluso in tarda serata il consiglio comunale di Borgo San Lorenzo che ha discusso la mozione di censura sul post del consigliere leghista Ticci che paragonava i provvedimenti di distanza sociale nelle scuole del governo ai campi di sterminio nazisti.

Hanno votato l’ordine del giorno per la censura le due componenti della maggioranza, PD e Gruppo Civico e si sono astenuti i consiglieri di Borgo in Comune, dei cinque stelle e di Cambiamo Insieme, mentre il consigliere Ticci non ha votato come da prassi quando si tratta di votare sulla propria persona.

Claudio Gherardini