Molta partecipazione sabato 1 febbraio, alla conferenza organizzata da Laboratorio Ambientale Mugello sulle migrazioni climatiche. Il 21 e il 28 febbraio nuovi appuntamenti al Cinema Garibaldi di Scarperia.

L’incontro di sabato 1 febbraio è stato introdotto dalla professoressa Maria Cristina Carlà Campa dell’ISS Giotto Ulivi la quale ha presentato un progetto che sta portando avanti con i suoi studenti riguardante i cambiamenti climatici.

A seguire Giacomo Tagliaferri ha introdotto il legame tra i cambiamenti del clima e le migrazioni, passando poi la parola a Paola Chelazzi, che da sempre lavora con migranti, che ha appunto discusso il tema della. conferenza attraverso dati scientifici e studi internazionali. Il surriscaldamento globale, una delle conseguenze del cambiamento climatico sta impattando e sempre di più impatterà sulle rese agricole, sulla disponibilità idrica, spingendo alle migrazioni anche chi non vive in aree rurali. L’area maggiormente colpita da questi fenomeni sarà l’Africa Sub-Sahariana, con migrazioni interne e poi esterne al continente.

“Nel 2018 su una popolazione residente in Mugello di più di 64000 persone, i richiedenti asilo erano lo 0.27% e gli stranieri totali il 10%. L’invasione esiste solo nella nostra testa – spiega Paola Chelazzi – Ma non siamo preparati alle future migrazioni climatiche, dobbiamo cambiare l’approccio di integrazione, considerando anche che la popolazione italiana sta rapidamente invecchiando e abbiamo necessità di giovani lavoratori stranieri, che invece non impieghiamo e svalutiamo, rendendogli difficile avere visti legali per l’Europa, vivere nella legalità e integrarsi”.

“Sono necessari interventi di mitigazione e adattamento – commenta Tagliaferri – esiste la tecnologia per creare comunità locali basate su energia rinnovabile autoprodotta. Dobbiamo agire tutti nell’immediato per fare qualcosa”.

 

Il Laboratorio Ambientale sarà presente il 21 e il 28 febbraio alle 21.00 al Cinema Garibaldi a Scarperia, dove verranno nuovamente trattati il tema dei cambiamenti climatici e delle migrazioni climatiche.

L’invito è a partecipare ed a contattare il Laboratorio sulla pagina Facebook, Instagram, sul blog e alla mail lab.ambientalemugello@gmail.com.