Luca Margheri è il “Decano” dell’opposizione nel consiglio comunale di Borgo. Ha già fatto cinque anni in consiglio. Alle elezioni dello scorso maggio è stato candidato sindaco per una coalizione tra la sua lista civica “Cambiamo Insieme” e la Lega. E’ andato al ballottaggio e ha preso il 40% dei voti espressi al secondo turno. Gli chiediamo la sua valutazione dai banchi delle opposizioni, sull’andamento dei lavori del consiglio e  di fare il punto su alcune importanti problematiche che l’amministrazione comunale e i consiglieri hanno di fronte o dovranno affrontare.

Le recenti tensioni sulle parole intolleranti di un consigliere di centrosinistra rivolte alle opposizioni si sono spente, c’è stato un chiarimento?  

Purtroppo fino adesso non ci sono stati chiarimenti né prese di posizione diverse da quelle espresse da un consigliere di maggioranza , né il capogruppo PD né il capogruppo delle liste civiche si sono dissociati da quelle brutte parole forse pronunciate in un attimo di leggerezza e senza peraltro, penso, crederci più di tanto (sarebbe gravissimo il contrario) ma il fatto che ci deve far riflettere è il silenzio assordante (come giustamente lo hai definito) appunto della maggioranza ed un indifferenza marcata da parte di certa stampa su notizie o fatti che possano mettere in cattiva luce l’amministrazione riportando e pontificando anche notizie non del tutto esatte

A Borgo ci sono due ospedali; uno a Luco abbandonato che rischia il crollo e che per ora serve solo a reggere il bilancio del Maggio musicale. L’altro in funzione, ma che necessita di cure. Da qualche tempo non se ne parla…  

Sono ormai più di sei anni ( era la fine del 2013 ) da quando tirammo fuori la questione dell’ospedale di Borgo con tutti i suoi problemi strutturali. Fondammo anche un comitato per la salvaguardia a cui aderirono medici ed operatori sanitari. Abbiamo sollecitato con mozioni varie, anche in Unione dei comuni, i nostri amministratori affinché seguissero le carenze dell’Opsedale. Siamo intervenuti anche a gamba tesa verso la Regione. Purtroppo siamo al punto di partenza e pochi mesi fa abbiamo protocollato lo statuto del comitato con un nuovo presidente( Sandra Cerbai) che in tutti questi anni ha combattuto per l’ospedale. Si stanno raccogliendo le firme , ed è di pochi giorni fa un incontro del nostro Presidente  con i vertici dell’AziendaSanitaria a Santa Maria Nuova, i quali hanno ammesso che i tempi per la ristrutturazione dell ‘ Ospedale sono slittati ed ancora non le hanno detto il cronoprogramma ( Quei famosi 36 milioni che venivano  pontificati come già spendibili  da subito, per adesso sono solo 2 e spiccioli ). Ed intanto il nostro ospedale sta perdendo servizi e personale, prima urologia , adesso chissà cosa ne  sarà dei pazienti diabetici ( speriamo sia sostituito il Prof. Marini) e di quelli oncologici che ci dicono saranno indirizzati verso Torregalli. E il silenzio continua……..

Così come continua per  l’ex ospedale di Luco. L’anno scorso i nostri lungimiranti amministratori si sono mossi perché io raccogliendo oltre mille firme ho fatto un esposto alla Corte dei conti ed alla Procura della Repubblica. E’ stato messo in sicurezza il tetto. Poi è stato mollato al Maggio musicale, ora tutto tace nell’ indifferenza  anche di certi osservatori che purtroppo girano la testa dall’ altra parte

E per il Multipiù? Cosa succede di quest’altra struttura pubblica sottoutilizzata e di cui non è chiara la proprietà ?

Per quanto riguarda il Multipiu ho fatto più di una mozione, sollecitando una presa  di posizione da parte del sindaco ( che a onor del vero c’è stata), ma a tutt’oggi non abbiamo nessun riscontro e come ho detto in Consiglio comunale nell’ultima consigliatura, si rischia che la vicenda vada in prescrizione e si perda o l’ immobile o il denaro.

(a cura di P. Mercatali)