Il Sindaco contro i Consiglieri che lo hanno “denunciato”. La Lega: “Non è una denuncia ma una segnalazione. Il Sindaco deve essere rimandato in materia giuridica”

“Nell’ultimo Consiglio comunale del 17 settembre – si legge in un comunicato della Lega BSL – il Sindaco Omoboni, nel tentativo di attaccare i Consiglieri della Lega, torna ancora a parlare ‘punto su punto’ della lettera/segnalazione inviata al Prefetto dai Consiglieri Atria e Ticci lo scorso 6 agosto, dimostrando purtroppo di non conoscere la differenza tra le diverse azioni giuridiche e facendo così un’altra brutta figura. Il sindaco ha affermato in Consiglio che trova ‘censurabile, irrispettoso e molto antipatico’ il fatto che dei Consiglieri di opposizione presentino ‘DENUNCIA’ verso un Sindaco o l’amministrazione per un Regolamento. Prendendo la parola ci siamo limitati a tranquillizzare Omoboni, ricordando a tutti che si trattava di una LETTERA/SEGNALAZIONE; azione giuridicamente ben diversa dalla formale DENUNCIA. Si sarà confuso con qualche denuncia passata? E pensare che proprio il primo cittadino è voluto entrare nel merito della nostra azione giuridica. Il Sindaco è stato ‘rimandato’ in materia giuridica. A volte il silenzio fa più rumore di mille parole citate a sproposito”.