Tutto esaurito per la performance agli scavi etruschi di Frascole

Un tributo a Clara Sereni quello di Carlina Torta e Riccardo Tesi agli scavi etruschi di Frascole domenica scorsa alle 18,00, che in occasione dell’estate frascolana hanno presentato una performance bellissima.

Uno spettacolo all’aperto, senza scenografie e luci, accarezzato da un venticello fresco, e reso straordinario da un’ interpretazione sentita fino alla commozione.

Il racconto del rapporto con il  figlio Matteo detto Nanà  è il filo conduttore di una storia che Carlina Torta ha tratto dai romanzi della Sereni (Dai quali l’attrice aveva già realizzato due degli spettacoli di maggior successo della sua lunga carriera : “Casalinghitudine” e “Manicomio Primavera”)per un’ora di emozione, senza trucchi, emozione pura e basta!

Carlina affronta soprattutto la delicata vicenda familiare  della Sereni riguardante il figlio Matteo, psicotico dalla nascita, per il quale promosse la Fondazione Città del sole – Onlus che tuttora si impegna a favore prevalentemente di disabili psichici e mentali gravi e medio-gravi.

Nonostante lo spettacolo fosse all’aperto, con tutte le distrazioni sonore di  un pomeriggio d’estate, il pubblico che aveva esaurito tutti i posti disponibili secondo le assurde normative sullo spettacolo che avevano limitato i gli spettatori ad una trentina, si è trovato immerso nel mondo dell’ editorialista per i quotidiani l’Unità e il manifesto, nella sua parte più intima, nei racconti di Carlina solo un accenno alle traduzioni letterarie, alla militanza politica, tutto questo bellissimo “A cercare insieme i fiori” è dedicato al rapporto tra madre e figlio ed alla tenerezza dell’amica Carlina che le ha dedicato anche un bel lavoro con gli studenti del  laboratorio di recitazione di Dicomano.

Ad impreziosire il piccolo gioiello d’emozione proposto dall’attrice con la collaborazione di Giulia Fossi assessore alla cultura del comune di Dicomano che ha introdotto i due artisti ,  l’eccezionale Riccardo Tesi con  il suo organetto diatonico, antenato della fisarmonica, (ha collaborato con artisti dell’area rock come Francesco Magnelli, Ginevra Di Marco (ex CSI e PGR), Piero Pelù, Gianna Nannini e con il DJ Ominostanco fino alla canzone d’autore italiana con Ivano Fossati, Fabrizio De André, Ornella Vanoni, Gianmaria Testa, Giorgio Gaber, Carlo Muratori, Tosca, la Banda Osiris Cristina Donà)  che tra un periodo a l’altro ha prodotto le note giuste per accompagnare un racconto drammatico, emozionante, tenero e commovente  che ha raccolto gli applausi di un pubblico entusiasta.

Da riproporre al chiuso per non perdersi neppure una nota o un sospiro.