Il 18 maggio riaprono negozi, ristoranti, bar e parrucchieri

Lunedì scorso con la riunione tra Regioni e Governo è stato ottenuto il VIA LIBERA DAL 18 MAGGIO ALLA RIAPERTURA DI BAR, RISTORANTI E NEGOZI, compreso ESTETISTI E PARRUCCHIERI!
Mentre andiamo in stampa stanno circolando linee guida e regole generali uguali per tutti ancora non definitive. La decisione finale non è ancora arrivata. Infatti è demandata alle singole Regioni a seconda dell’andamento della curva del contagio. In Toscana l’epidemia non ha mai raggiunto i picchi della Lombardia e il virus si sta ulteriormente rarefacendo e perdendo forza. Mercoledì i nuovi casi in Provincia di Firenze sono stati otto in tutto. Sempre mercoledì in Mugello c’è stato un solo caso e il Sindaco di Borgo ha fatto sapere che la persona sta bene e non è andata in Ospedale, ma è a casa sua in isolamento. Nonostante ciò il Presidente della Toscana a oggi (giovedì 14) non ha ancora deciso; valuta, temporeggia ancora non sa da che parte stare. Viene in mente Vittorio Emanuele III che, nel 1943, non sapeva se stare con gli Alleati o con i Tedeschi e combinò un pasticcio che gli costò il trono d’Italia, niente a confronto di quello che pagarono gli italiani. Certo la decisione è di quelle difficili e la responsabilità è pesante. Anche al Presidente l’augurio che vada tutto bene

Resta ovviamente inteso che, in caso di risalita, il governo potrà intervenire per disporre nuove chiusure e per questo sarà FONDAMENTALE che tutti continuino a rispettare con grande attenzione le regole. Anzi ora che stiamo riacquisendo una relativa libertà è ancora più importante; evitare gli assembramenti, portare le mascherine, rispettare il distanziamento quando si entra nei negozi, nei bar, nei ristoranti in una parola avere grande rispetto per le altre persone con cui entriamo in contatto.

Se ancora non c’è la certezza di tornare quasi alla normalità, la voglia c’è tutta. I parrucchieri stanno già dando appuntamenti da lunedì prossimo ai loro clienti che non vedono forbici e rasoio da due mesi e mezzo. Negozi e ristoranti fanno pulizie e hanno ricontattato i fornitori. La Letizia ci racconta che a Dicomano faranno festa con musica e brindisi. Ma tutti in streaming. Come sempre a Dicomano la sanno lunga. (P. Mercatali)