La malattia infettiva tropicale trasmessa da una particolare specie di zanzara contratta da una persona a Barberino 

A Barberino pochi giorni fa è stato segnalato un caso di “Dengue” (articolo al seguente link: http://www.osteriaegiornale.it/2019/09/05/barberino-di-mugello-segnalato-un-caso-di-malattia-di-dengue/). Ma di cosa si tratta?

La “febbre Dengue”, più conosciuta semplicemente come “Dengue”, è una malattia infettiva tropicale causata dal virus “Dengue”. Il virus esiste in cinque sierotipi differenti e generalmente l’infezione con un tipo garantisce un’immunità a vita per quel tipo, mentre comporta solamente una breve e non duratura immunità nei confronti degli altri. L’ulteriore infezione con un altro sierotipo comporta un aumento del rischio di complicanze gravi. La malattia è trasmessa da zanzare del genere “Aedes”, in particolar modo la specie “Aedes aegypti”. Si presenta con febbre, cefalea, dolore muscolare e articolare, oltre al caratteristico esantema simile a quello del morbillo. In una piccola percentuale dei casi si sviluppa una febbre emorragica pericolosa per la vita, con trombocitopenia, emorragie e perdita di liquidi, che può evolvere in shock circolatorio e morte. Non esistendo una vaccinazione efficace, la prevenzione si ottiene mediante l’eliminazione delle zanzare e del loro habitat, per limitare l’esposizione al rischio di trasmissione. La terapia è di supporto e si basa sull’idratazione in caso di una forma lieve-moderata di malattia e, nei casi più gravi, sulla somministrazione endovenosa di liquidi e sull’emotrasfusione. La prima descrizione della malattia è del 1779 e la sua eziologia è stata dimostrata nei primi anni del XX secolo. L’incidenza della Dengue è cresciuta molto rapidamente a partire dagli anni ’60, con circa 50-100 milioni di persone infettate ogni anno, e risulta endemica in 110 paesi.