La segnalazione di un lettore irritato

“Abito e ho il mio laboratorio d’artigiano nell’area di Borgo che durante la Fiera agricola e altre manifestazioni viene chiusa al traffico. Tutte le volte che entro o esco con la macchina o con il furgone quelli del CRS o dell’Associazione carabinieri devono spostare le transenne. Capita che non ci sono o che c’è qualche ragazzina che non ce la fa a sollevarle. Allora devo scendere di macchina e farlo io, con il rischio di prendermi anche una multa. Una volta va bene, ma sette/otto volte al giorno per 30 o 40 giorni all’anno comincia a essere una rottura. E come me devono fare tutti quelli che abitano all’interno del “Recinto Fiera”. Ma mi chiedo se invece della transenna si mettesse una sbarra con apertura automatica? E’ una proposta che faccio; spero che chi organizza ci pensi…”

(Lettera firmata)

 

Gentile lettore,

Una sbarra ad apertura automatica costa più di una transenna. Con la transenna, a spanne, siamo sui 100 euro, con la sbarra si va dai 1200 ai 2000 euro. Una bella differenza. E’evidente che gli organizzatori non se la possono permettere. Ma sono manager e anche bravi a trovare le risorse. Dunque possono far attaccare 40 manifesti pubblicitari nell’area della Fiera e far pagare 150 euro a manifesto; un costo ragionevole per un manifesto visto da migliaia e migliaia di persone. Sono sicuro che 3 o 4 manifesti li prenderebbe anche lei per promuovere il suo laboratorio artigiano. Così 150 per 40 fa 6000 e ci si comprano comode, comode, 4 sbarre per gli accessi principali al “Recinto Fiera”. Sono più comode e anche più decorose. Solo che tre giorni prima della Fiera i manager che organizzano la Fiera mi hanno detto che ai manifesti non c’avevano pensato e che non sapevano come fare per farli pagare; dunque se proprio uno li vuol mettere li mette a gratis, ma di soldi non si parla e di sbarre nemmeno. Son sicuro che, grazie alla sua segnalazione, i manager della Fiera l’anno prossimo lo faranno.

(P.M.)