“Nella seduta consiliare del 28 ottobre si è registrata una convergenza importante su un ordine del giorno avente per oggetto la lotta all’abuso di alcool e all’utilizzo di sostanze psicotrope – comunica il capogruppo di Centrodestra Dicomano Giampaolo Giannelli –. L’ordine del giorno, redatto in prima stesura dal gruppo Centrodestra Dicomano, poi condiviso e presentato assieme al gruppo consiliare Dicomano che verrà (che ha dato un contributo fondamentale e professionale nella redazione definitiva del testo), è stato approvato all’unanimità da tutti i gruppi presenti. La discussione ha avuto anche il contributo importante del gruppo PD, del Sindaco Stefano Passiatore e del Vicesindaco Giulia Fossi. Il sindaco ha ricordato in particolare il ruolo della società della salute in materia. Come centrodestra Dicomano, siamo particolarmente soddisfatti di aver dato un input a queste tematiche, che purtroppo vedono un abbassamento di età nel consumo di sostanze psicotrope e abuso di alcool, con dati particolarmente pesanti proprio in Mugello.  Occorre quindi il concorso di tutti – conclude – a 360 gradi, con un monitoraggio costante e soprattutto con un’opera di prevenzione che deve partire già dalle scuole medie, visto che purtroppo questo problema drammatico coinvolge già i ragazzi in età scolare”.

Di seguito il testo integrale dell’Ordine del Giorno.

 

ORDINE DEL GIORNO TESO ALLA PROMOZIONE DI INTERVENTI MIRATI PER LA PREVENZIONE E LA LOTTA ALL’ABUSO DI ALCOOL E DI SOSTANZE PSICOATTIVE

Premesso che

L’alcool è la causa di oltre 200 diverse malattie ed è classificato come il terzo fattore di rischio di malattia e morte prematura, dopo il fumo e l’ipertensione.

L’elevato livello di consumo di alcool rilevato nella Regione europea dell’Oms ha portato nel corso degli anni a un incremento di decessi attribuibili al consumo di bevande alcoliche a causa di patologie croniche (come la cirrosi epatica, le malattie cardiovascolari e il cancro) e a cause di morte violente (incidenti stradali, omicidi e suicidi).

Il ruolo di alcool e sostanze psicoattive nel determinismo degli incidenti stradali è ampliamente documentato: secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità l’uso di alcool e sostanze psicoattive è una delle principali cause di incidenti stradali assieme all’ eccesso di velocità, al mancato utilizzo di dispositivi di sicurezza e all’uso errato del cellulare alla guida.

L’incidentalità stradale rappresenta la principale causa di morte nella popolazione di età inferiore ai 30 anni (WHO 2004).

Preso atto che

L’uso di alcool registra un pericoloso e costante abbassamento dell’età media di inizio di consumo e abuso, con dati preoccupanti in particolare per la popolazione femminile.

Ricordato che

Quasi un adolescente su tre residente nei territori della Asl Toscana centro, Firenze, Prato, Pistoia, Empoli, ha avuto, nel mese precedente l’intervista effettuata nel 2018, almeno un episodio di binge drinking, di consumo cioè, in un’unica occasione di bevute alcoliche in numero di 5 o più per gli uomini e di 4 o più per le donne. Tra i ragazzi dei quattro territori della Asl Toscana Centro, il fenomeno è comunque meno intenso rispetto a quello dei coetanei toscani. I dati arrivano dalla Relazione sanitaria 2018 che la Asl Toscana centro elabora annualmente. In particolare, nell’area fiorentina c’è meno abuso tra gli adolescenti rispetto ai coetanei toscani. Ma non tra le ragazze. E tra le giovani più propense a bere sono proprio le ragazze fiorentine e quelle del Mugello. Al contrario le ragazze della zona pratese, dell’empolese e della Val di Nievole, sono più virtuose delle coetanee toscane.

“Stiamo vivendo un periodo in cui le ragazze adolescenti corrono più rischi ed hanno comportamenti peggiori sul fumo e sull’alcol, talvolta anche rispetto ai loro coetanei maschi – dichiara il direttore di Epidemiologia della Asl Toscana centro, Francesco Cipriani, che ha curato diversi progetti legati al bere anche a livello europeo – In area fiorentina metropolitana, in particolare, le ragazze fanno peggio anche delle loro coetanee toscane. Tuttavia, preme ricordare – aggiunge – che in questo momento si assiste in tutto il mondo a un inizio di miglioramento dei comportamenti eccessivi dei ragazzi. Vedremo se questo buon trend si consoliderà nei prossimi anni. E comunque i ragazzi italiani e toscani da sempre consumano alcol con meno smodatezza come se la cultura mediterranea del bere, costituisse un elemento protettivo e li rendesse capaci di gestire meglio l’alcol. Perciò, pur condividendo le mode e i comportamenti di abuso dei coetanei europei, i nostri lo fanno con minore intensità e gravità”.

Per gli adolescenti da anni l’Area Dipendenze della Asl Toscana centro, diretta da Antonella Manfredi, è impegnata a contrastare i comportamenti eccessivi attraverso azioni di prevenzione e informazione nelle scuole o dove la presenza di operatori sanitari preparati venga richiesta.

Visto inoltre che

Nel 2017 sono afferiti al DEA di Borgo San Lorenzo 747 utenti per incidenti stradali a 71 di questi le forze dell’ordine hanno richiesto prelievo alcolemico, il 15% risultato positivo (81,8 % aveva livello alcolemico superiore al limite legale). Da diversi anni son presenti nella nostra zona Mugello operatori del sociale che operano su territorio con lo scopo di intercettare i consumi di alcool e sostanze psicoattive Gli interventi effettuati hanno fatto degli operatori sociosanitari delle figure di riferimento per i giovani del territorio con programmi di continuità assistenziale con i gruppi con stili di vita a rischio e i loro familiari. Nello specifico il SERD della zona Mugello ha due progetti in corso nell’anno 2019-2020 rivolti alla popolazione:

  • “Zero in un soffio “progetto di comunità, rivolto alla popolazione giovanile del Mugello, per la promozione di comportamenti corretti e responsabili alla guida (soggetti coinvolti scuole medie superiori, DEA ospedale Borgo San Lorenzo, scuole guida, polizia municipale e carabinieri, Associazione Lorenzo Guarnieri, Associazione.
  • “TOL” azioni mirate alla presa in carico precoce di adolescenti/giovani adulti con problematiche legate al consumo di sostanze e dei loro

Le metodologie di intervento utilizzate sono:

  • percorso genitori
  • unita mobile notturna in occasione di eventi
  • operatore di corridoio presso il

Considerato che

Quanto fatto finora dall’ASL Toscana Centro e dal SERD della zona Mugello è importante ma purtroppo non sufficiente viste le dimensioni del fenomeno che richiede un’attività sempre più capillare sul territorio anche da parte dei singoli comuni e della stessa Unione dei Comuni.

Tutto ciò premesso, il Consiglio Comunale invita il Sindaco e la Giunta

A assumere un forte impegno su un tema così importante che va ad impattare in maniera forte sul tessuto sociale e nelle famiglie:

  • collaborando e compartecipando ai progetti già intrapresi dalle ASL Toscana Centro;
  • promuovendo iniziative (convegni, eventi nei quali si spiegano le problematiche connesse all’abuso, assieme alle associazioni presenti sul territorio comunale), programmi di informazione e prevenzione;
  • adoperandosi presso l’Unione dei Comuni e l’ASL Toscana Centro perché le attività sopra citate e già in corso siano intensificate (es. operatore di corridoio adesso presente solo due giorni) e coinvolgano sempre più il mondo della scuola, incluso quella primaria.

 

Firmato i Gruppi

  • CENTRO DESTRA DICOMANO
  • DICOMANOCHEVERRA’