Lo scrive il Sindaco di Dicomano sui social riferendosi in particolare ai contrasti, nati venerdì scorso dopo l’ordinanza emanata dai sindaci del Mugello e dichiarata illegittima dal Prefetto sabato 21 marzo. Ecco la nota con la quale Passiatore spiega il provvedimento del Governo “Con l’ordinanza di ieri del Ministro della Salute e del Ministro degli Interni si restringono ulteriormente le motivazioni per le quali si può uscire dal proprio Comune. L’intenzione mi pare chiara, nel momento nel quale si chiudono gran parte delle attività produttive dobbiamo modificare ancor di più le nostre abitudini. L’ordinanza ministeriale mette anche fino alla polemica stucchevole nata in queste ore a seguito dell’ordinanza emessa dai sindaci del Mugello che, di fatto, ha anticipato (come del resto le altre ordinanze che abbiamo adottato) le decisioni ministeriali. Al momento quindi, non solo sono in vigore le ordinanze ma non si ravvisa neanche la necessità di chiarirle. Detto questo, come già fatto, useremo il buon senso e, se è chiaro che, ancor più di prima, sarà necessario stare all’interno del proprio comune per fare la spesa, – conclude Passiatore – le forze di polizia sapranno valutare i motivi dello spostamento dal proprio comune e se ritenuti ragionevoli non succederà niente”.