Il sindaco di Dicomano, Stefano Passiatore, nella serata di ieri, 29 marzo, ha rilasciato una dichiarazione sulla situazione della Rsa Villa San Biagio, dove sono risultati positivi 41 ospiti (qui l’articolo in merito. Dicomano – 41 casi positivi in una Casa di riposo).

Queste le parole del sindaco Passiatore: “Da questa settimana stiamo monitorando con l’ASL e la Società della Salute la situazione dell’RSA Villa San Biagio. Alcuni giorni fa si è registrato il primo contagio. Fin da subito alla struttura è stato chiesto di mettere in atto tutte le procedure previste per questi casi. Oggi abbiamo avuto l’esito dei tamponi fatti su tutti gli ospiti e il dato è preoccupante. Sono 41 gli ospiti positivi al COVID-19. A ciascuno di loro va il nostro pensiero e il nostro augurio di pronta guarigione”.

“Tutti gli ospiti – continua il sindaco – che sono ancora in struttura, alcuni sono ospedalizzati, sono stati posti in isolamento e la loro condizione di salute verrà monitorata continuamente. Anche per gli operatori che ci lavorano, e che ringrazio di cuore per il prezioso ruolo che svolgono, verrà notificato un provvedimento di isolamento. L’ordinanza di oggi della Regione Toscana prevede che verranno, anche loro, sottoposti a tampone ma, fino ad allora, coloro che saranno ritenuti indispensabili per lo svolgimento del servizio, dovranno continuare a lavorare prendendo tutte le precauzioni del caso. Chi potrà svolgerà la quarantena a casa, chi non potrà perché non se la sente per la presenza di altre persone fragili nel proprio nucleo familiare, potrà usufruire delle nuove strutture alberghiere messe a disposizione dell’azienda sanitaria”.

“E’ un provvedimento eccezionale – conclude Passiatore – , come eccezionale è la situazione che si è verificata. Dobbiamo fare il massimo per accudire gli ospiti che sono dentro la struttura. Sono i nostri nonni, i nostri genitori, la nostra memoria; così come dovremo garantire agli operatori di lavorare in sicurezza. Il Comune di Dicomano, l’ASL e la Società della Salute sono disponibili a fare qualsiasi cosa per raggiungere questi due obiettivi. La salute delle persone è il nostro unico pensiero”.