Il Gruppo consiliare Lega Mugello ha diffuso un comunicato, nel quale spiega le iniziative che sta organizzando per l’informazione e la conoscenza dei cittadini sul progetto dell’Impianto eolico Villore-Corella.

Nel comunicato, si legge: “In primis ci teniamo a ribadire, qualora non fosse chiaro a tutti, che stiamo parlando di un ” Impianto eolico industriale ” piuttosto che “Parco” il quale, stando ai fatti e dati, avrebbe un notevole impatto sotto il punto di vista ambientale, paesaggistico, economico e pure  in termini di salute di tutti i cittadini Mugellani. Il Paesaggio Mugello non è una fonte rinnovabile per cui il nostro territorio una volta “toccato” o modificato non tornerà mai più come prima così come il suo valore che potrebbe subire un decremento nel valore paesaggistico e territoriale. La Lega si schiera dalla parte dei cittadini nell’ottica del confronto, dell’ascolto e della trasparenza oltre che dell’informazione vera, reale e completa”.

“Il nostro obiettivo – continuano gli esponenti della Lega Mugello – , oltre che rendere i cittadini consapevoli, è quello di mirare all’innalzamento della qualità della vita in Mugello attraverso una politica ambientale attenta in primis alla conservazione e al mantenimento del territorio così come all’incentivare forme di turismo compatibili con il contesto paesaggistico locale. In funzione delle caratteristiche territoriali, morfologiche e di sviluppo agro-alimentare del Mugello tutti dovremmo avere interesse a che siano condotti progetti nell’ambito del proprio territorio per tutelare la propria identità oltre che preservarne ricchezza e tradizioni. Noi in tutto questo ci sentiamo sovranisti e custodi del territorio dove viviamo, lavoriamo e dove cresceranno i nostri figli o nipoti”.

“Nell’ottica – prosegue il comunicato –  di creare iniziative capaci di sensibilizzare e informare i cittadini stiamo organizzando e comunicheremo a breve eventi dove saranno invitati amministratori, associazioni, esperti paesaggisti-forestali-geologi, proponenti e comitati. Sentiremo tutti gli attori nell’ottica della divulgazione, dell’informazione ma soprattutto dell’ascolto di chi ormai viene udito solo quando non pone dubbi e fa comodo ai fini elettorali, ovvero i cittadini. Perché, se da una parte capiamo bene quali siano i motivi dell’assenza, seppur solo fisica, dell’azienda proponente, dall’altra ci chiediamo: dove sono i Sindaci e le Amministrazioni in tutto questo? Essendo presenti ad ogni evento sul tema abbiamo notato con grande rammarico anche l’assenza dei rappresentanti di maggioranza delle amministrazioni oltre che di giovani.

“Perché – si chiedono gli esponenti della Lega Mugello – si sottraggono al confronto con i comitati, i cittadini, le associazioni e si celano dietro al rito del “Ma io non sono competente” ? Quali sono stati, aldilà delle gite e dei pic-nic organizzati e finanziati da Agsm a Rivoli, gli eventi informativi verso i cittadini? Forse la verità è che esiste una sottile differenza tra competenza e convenienza politica”.

“Ricordiamo- conclude il comunicato –  ancora una volta che in nessun programma di mandato amministrativo era paventata la possibile realizzazione di questo impianto e proprio per questo motivo riteniamo giusto che vengano innanzitutto ascoltati i cittadini e che spetti a loro e solo a loro l’ultima parola a riguardo. Cercheremo di valutare insieme quale sia lo strumento migliore per questa, ormai passata di moda, democrazia diretta. Questo affinché questa storia non sia ricordata in futuro come la storia emblematica dei “cittadini sconfitti” dal potere degli affari, della burocrazia negligente e della speculazione finanziaria. Non lasciamo che tutto questo passi sopra le nostre teste rimanendo indifferenti, ma arriviamo ad una consapevolezza tale da poter scegliere non per “sentito dire” ma per marcata autonomia decisionale. Il Mugello non é di pochi, é di tutti”.