Letizia ha frequentato la 5° indirizzo dei servizi socio sanitari del Chino Chini di Borgo San Lorenzo. Ieri 18 giugno è tornata a scuola dopo tre mesi, proprio per l’esame.

Letizia com’è andata?

E’ stata una grandissima emozione; non solo per l’esame, ma nel rivedere i miei compagni e i miei professori. Con tutte le misure di sicurezza, distanza, mascherina, gel, ma ci siamo visti, ci siamo salutati, ci siamo parlati, ci siamo sentiti di nuovo una comunità, dopo mesi davanti a un video. Tante emozioni fantastiche concentrate assieme all’esame. Il colloquio è stato impegnativo, ma eravamo preparati. Dovevamo portare un elaborato e su quello si è svolto l’esame più altre domande sulle materie di studio. Io ho preparato una relazione sulla follia dal medioevo a oggi; un argomento che mi ha affascinato e credo che anche la Commissione sia stata soddisfatta.

E i tuoi compagni?

Hanno avuto un’ottima impressione anche loro. I risultati ufficiali li avremo domani sabato, ma sentiamo già la sicurezza di essere tutti promossi.

Contenti anche i vostri professori?

Entusiasti. Dobbiamo ringraziarli. Ci hanno aiutato tantissimo. In questi mesi non ci hanno mai mollato. Ogni giorno sul sito del Chino Chini hanno pubblicato note, spiegazioni, domande, suggerimenti. Non c’è mai mancato il loro insegnamento. E quando sento dire che il Chino Chini è una scuola di serie B mi arrabbio. Per me è stata una scuola di vita, mi ha fatto crescere e i professori si sono impegnati per aiutarmi. Devo molto alla scuola e a loro.

Letizia e ora cosa farai?

Voglio iscrivermi all’università di lingue. Ho capito che la comunicazione, i contatti sono fondamentali. E’ una facoltà che mi permetterà di andare all’estero, capire altri popoli. Sicuramente tornerò in Francia dove sono già stata con l’Erasmus.

Letizia congratulazioni per come hai concluso un anno così difficile. E congratulazioni ai tuoi compagni, ai tuoi professori, al Chino Chini (P.M.)