Pene tra i 5 e i 6 anni anche ai figli e ad altri collaboratori

Il crac delle imprese di Mario Margheri, conosciutissimo in Mugello, risale al 2012 dopo anni di grande attività in provincia di Firenze a anche all’estero; c’erano stati riconoscimenti per Margheri come “Per il progetto più innovativo”   per aver costruito un complesso residenziale di 184 appartamenti a Sesto secondo criteri avanzati di risparmio energetico. Grande successo ebbe anche Hidron la struttura per il relax e il benessere costruita a Campi e inizialmente gestita dalla famiglia Margheri. Nel 2012 con il concordato preventivo e poi il fallimento  fu stimato un patrimonio di oltre 100 milioni, ma emersero anche operazioni fraudolente e distrazioni di beni per le quali Margheri e i suoi collaboratori furono rinviati a giudizio. Ieri è arrivata la sentenza del tribunale che ha visto la condanna di Mario Margheri a 9 anni (il pm ne aveva chiesti 8), del figlio Mauro e di Rossella Lollini a 6 anni e degli altri figli Ilaria e Marco assieme a Massimo Biondi a 5 anni. Condannato a 5 anni e 8 mesi anche un altro collaboratore, Andrea Mazzanti. Nel 1998 Margheri fu protagonista di un altro crac; quello della SAMA di cui era socio con Emilio Santoni, che allora fu ammessa al concordato preventivo. (P.M.)