Scrivono i consiglieri firenzuolini di minoranza: “E’ stato veramente impegnativo esaminare, comprendere e discutere un documento così corposo, complesso ed articolato come il PIS 2020/2022 (Piano Integrato di Salute), trasmessoci soltanto tre giorni prima del Consiglio.
E’ stato anche difficile integrare alcune parti con le esigenze espresse in un’interpellanza, presentata dal nostro gruppo in tempi precedenti il covid-19, sulla situazione dei servizi socio-sanitari-assistenziali per il nostro territorio.
Il Pano – proseguono i consiglieri di “Bene comune” –  è stato illustrato dal Dott. Michele Mezzacappa, direttore della Società della Salute, in maniera chiara ed esauriente, evidenziando una situazione complessiva  del Mugello piuttosto problematica con alcuni riferimenti specifici alle criticità dei servizi socio-sanitari del territorio di Firenzuola.
Il nostro gruppo ha riconosciuto a questa Amministrazione il merito di una partecipazione più costante alle attività della Società della Salute, a differenza di quanto avvenuto nei precedenti mandati amministrativi, e ha offerto la propria collaborazione per la risoluzione dei problemi inerenti la nostra comunità.
Abbiamo evidenziato tuttavia le criticità e le situazioni di svantaggio del nostro comune, quali:
– invecchiamento della popolazione, dovuto al calo demografico e alla presenza di tre RSA, con conseguente aumento delle situazioni di non autosufficienza e delle malattie croniche tipiche,
– condizioni geografiche del territorio (vastità, distanze, viabilità e trasporto pubblico disagiati,…),
– fattori socio-economici (redditi medio-bassi),
– stili di vita dei giovani spesso non adeguati e corretti (fumo, alcool, sostanze stupefacenti, gioco),
– situazioni diffuse di disagio personale, familiare, sociale, educativo, culturale,
Tutto ciò impone l’adozione di una “strategia” per la Saluteche punti con determinazione ad un livello accettabile dei servizi socio-sanitari-assistenziali e di medicina generale territoriali, e che, attraverso un buon grado di integrazione, favorisca la precoce presa in carico delle varie situazioni e la prevenzione dei disagi, compresi quelli dovuti alle ospedalizzazioni.
Il gruppo di minoranza ha quindi espresso la volontà e l’impegno di sorvegliare e vigilare sui Piani Operativi Annuali, affinchè vengano garantiti anche ai cittadini di Firenzuola quei servizi che in passato ci sono stati tolti (cardiologia, ostetricia, salute mentale per gli adulti), o che sono quasi inesistenti (neuropsichiatria per infanzia/adolescenza) e di altri servizi che riteniamo necessari (geriatria), come abbiamo fermamente motivato nella nostra interpellanza. L’Amministrazione comunale ha concordato con noi sulle esigenze prospettate, sulle richieste avanzate e sulla necessità di non perdere altro tempo.
La discussione di alcuni problemi generali, – conclude l’opposizione – quali quello della Discarica, del Piano strutturale intercomunale e del Piano della Salute, dimostra che il nostro contributo è stato proficuo quando si vogliono raggiungere obiettivi da cui tutta la popolazione ne tragga benefici.