biodiversità e qualità ecologica nel periodo 2016-2018

E’ ciò che ha fatto un gruppo di ricerca dell’ARPAT per verificare il livello dell’inquinamento della Sieve. In parole povere si può dire che le acque del nostro fiume sono pressoché pulite nel primo tratto, mentre via via che attraversano i centri abitati le condizioni delle acque si fanno meno soddisfacenti fino a presentare qualche criticità quando confluiscono nell’Arno. Ma vediamo qualche dettaglio in più reso noto dall’ARPAT, premettendo che le diatomee sono alghe unicellulari, comparse nel Cretaceo, circa 145 milioni di anni fa. Rappresentano una delle più importanti classi di microalghe in ambiente marino e di acqua dolce.

ARPAT, come previsto dalla normativa, applica sui fiumi il campionamento ed il riconoscimento delle diatomee, microalghe unicellulari caratterizzate per avere la parete cellulare impregnata di silicee. Lo studio di questo indicatore biologico si basa sulla valutazione della sensibilità delle diatomee nei confronti della sostanza organica, dei nutrienti e dei sali minerali, con particolare riferimento ai cloruri, tutte sostanze che possono essere causa di alterazione dei fiumi.

Nello studio condotto in occasione di un tirocinio formativo è stato applicato tale indicatore sul corso d’acqua Sieve; la scelta è ricaduta su questo fiume in quanto principale affluente ed effluente dell’Invaso di Bilancino, risorsa idrica per il territorio del Mugello e della Val di Sieve, principale punto di raccolta delle acque urbane, agricole ed industriali del territorio mugellano nonché principale affluente di destra dell’Arno.

Lo studio ha analizzato i risultati della qualità ecologica della Sieve, le liste floristiche delle diatomee a livello di specie, i parametri chimici e chimico-fisici a supporto dei dati biologici nell’arco del triennio 2016-2018, con lo scopo di verificare la relazione esistente tra qualità ecologica e tipo di comunità diatomica.

I campionamenti sono stati effettuati nelle stazioni in cui opera ARPAT, ovvero Sieve Monte Bilancino-MAS 119 (presso sorgente), Sieve Medio-MAS 120 (vicinanze paese di San Piero a Sieve) e Sieve Valle-MAS 121 (presso la foce, in Arno, dopo che il fiume ha attraversato numerosi centri urbani). Nella tabella a seguire si riportano i dati relativi allo stato chimico ed ecologico delle tre stazioni per il triennio 2016-2018.

Stato chimico ed ecologico 2016-2018 Fiume Sieve
  Sieve Monte Bilancino Sieve Medio Sieve Valle
Codice stazione MAS 119 MAS 120 MAS 121
Stato Chimico Buono Buono Non Buono
Parametri critici     pfos
Stato Ecologico Buono Buono Sufficiente
Macroinvertebrati Buono Buono Sufficiente
Macrofite Buono Buono Sufficiente
Diatomee Elevato Elevato Sufficiente
Limeco Elevato Elevato Elevato
Sostanze pericolose   Buono Sufficiente
Parametri critici     ampa

Le comunità diatomiche situate in zone differenti sono molto diverse tra di loro, così come la correlazione tra livello di inquinamento e tipo di comunità colonizzante, a conferma che le diatomee risentono in modo diretto delle condizioni ambientali circostanti, affermandosi come bioindicatori dello stato ecologico.