E’ stato un week end molto sfidante quello scorso. Come da regolamento, infatti, nel circuito di Imola non è possibile girare il giovedì. Il week end di gara, più corto e concentrato dal venerdì alla domenica, si è rivelato molto interessante.

Il turno di prove libere si è svolto il venerdì mattina e nel pomeriggio si sono tenute le prime prove ufficiali, mentre il sabato mattina si è svolto il secondo turno ed il pomeriggio si è svolta la Gara 1.

Guido, nella giornata di venerdì, aveva percepito un feeling non ottimale con il set-up della moto, infatti non riusciva ad essere incisivo in frenata ed in percorrenza di curva.

La Gara 1 è trascorsa così, con prestazioni ridotte a causa della mancanza di timing per la messa a punto della moto.

Il giovane pilota, nonostante le condizioni non ideali, è partito sesto e ha creato subito un bello stacco sugli altri avversari e dopo qualche giro, è riuscito a collocarsi e a mantenere la quarta e quinta posizione. Malgrado fosse riuscito a tenere il ritmo, in fase di frenata veniva sorpassato e la caduta di un avversario ha fatto sì che Guido si piazzasse terzo.

Nonostante le oggettive difficoltà legate all’impostazione della moto, il giovane pilota non si è perso d’animo e appena finita la gara ha indetto un meeting con l’ingegnere elettronico, il tecnico delle sospensioni, il capo tecnico del team ed il coach. Il team, dopo un’ora abbondante di riunione, ha accolto le indicazioni di Guido e grazie anche alla loro esperienza di tecnici, ha impostato la moto con un set-up completamente diverso rispetto alla Gara 1. La nuova impostazione della moto ha dato fin dai primi giri di Warm Up degli ottimi risultati, in quanto Guido si è aggiudicato subito il secondo tempo.

Dopo aver riconquistato fiducia, Guido ha scalato subito le posizioni e durante la gara ha primeggiato ed ha combattuto fino all’ultimo, fino a quando il suo compagno di squadra è caduto e gli avversari si sono contesi i primi posti.

Dopo aver lottato fino all’ultimo, Guido ha dato l’ultimo sprint sul giro finale ed è riuscito a conquistare la prima posizione. Un’altra volta si sottolinea che il lavoro di squadra è fondamentale per coniugare la bravura del pilota, la preparazione del team ed il sostegno del coach Alessandro Torcolacci e degli Sponsor: Allianz Mati Sas ed il Motoclub Borgo San Lorenzo.