Il Sindaco di Londa Cuoretti, dopo questo primo fine settimana di libertà, lancia un appello a rispettare le regole anticovid. Lo riproponiamo, ritenendo che valga per tutto il Mugello e la Valdisieve, dove a fronte di tanta gente che è uscita e si è divertita nel rispetto delle regole, ci sono state situazioni ed episodi incompatibili con i nuovi stili di vita che dovremo seguire. Purtroppo c’è sempre chi crede di poter fare come meglio gli piace senza rispetto per gli altri, sicuro di essere intoccabile. Le autorità dovrebbero controllare e intervenire.

“Siamo giunti alla seconda settimana di riapertura, – scrive il Sindaco Cuoretti – fortunatamente nessun nuovo caso di Covid 19 si è manifestato tra i nostri concittadini. Siamo felici di rivedere persone a passeggio , fare sport, tutte le attività commerciali riaperte , bambini che giocano con i loro genitori ……queste belle giornate invogliano ad uscire , incontrarsi, parlare e lasciarsi alle spalle un periodo tremendo.

Stiamo lavorando ad una serie di misure per aiutare l’economia locale a ripartire, stiamo lavorando per fare ripartire tutti i cantieri dei lavori pubblici, stiamo lavorando per attivare i centri estivi e preparare il nuovo anno scolastico. Siete stati dei cittadini modello rispettando tutte le restrizioni imposte in questi mesi e capiamo che adesso c’è voglia di uscire, voglia di libertà….ma dobbiamo ricordare che l’emergenza non è finita, il coronavirus non è sparito e se vogliano davvero lasciarcelo alle spalle dobbiamo essere responsabili. Non abbiamo detto niente finora per dar modo alle persone di abituarsi alle nuove disposizioni della fase 2.

Ci sono troppi assembramenti, troppi che indossano le mascherine calate sul collo, gruppi di persone che non mantengono le distanze di sicurezza. – prosegue il Sindaco – Ci hanno segnalato oggi che le fettucce delle aree giochi e delle zone fitness sono state rimosse e le persone le utilizzano. Non ce lo possiamo permettere, capiamo il bisogno dei bambini di giocare e che per loro vedere uno scivolo e non poterlo usare è una tortura, capiamo che gli attrezzi dell`area fitness dopo mesi di clausura invogliano ad essere usati….ma non è possibile….li teniamo chiusi per tutelare la salute di tutti…..perché non vogliamo ritornare a due mesi fa, non vogliamo più ricevere telefonate dall`igiene pubblica che ci segnala un ricovero per Covid, non vogliamo più ricevere telefonate da parenti in cerca di notizie dei loro cari intubati in ospedale.

Ci dispiace doverlo dire ma se non rispettiamo le regole , il governo sarà costretto a richiudere nuovamente con conseguenze che non vogliamo nemmeno immaginare.

Domani faremo richiudere le aree giochi e gli attrezzi fitness per favore aiutateci ad aiutarvi, indossate le mascherine, mantenete le distanze,  siate responsabili come lo siete stati finora.

Grazie a tutti per quello che avete fatto e quello che farete”.