Ancora un tentativo di far “sloggiare” le suore domenicane di clausura dal Monastero della SS: Annunziata. E’ successo di nuovo questa mattina 10 gennaio. Probabilmente gli stessi (due frati e una suora) che ci avevano provato un altro paio di volte sono entrati nella Chiesa del monastero. Da lì hanno iniziato a picchiare sulla porta d’ingresso al convento. Le suore, avvertite di non aprire, non hanno risposto. Sono arrivati alcuni fedeli e uno di loro ha fatto per chiudere il chiavistello del portone della Chiesa. I tre religiosi quando si sono accorti della manovra hanno avuto paura di restare chiusi in Chiesa e si sono allontanati. “Non si può continuare così” – dicono i marradesi accorsi in difesa delle Suore – “E’ vero che il Vaticano vuole liberare i monasteri dove vivono poche, anziane suore, ma non si può agire in questo modo. Sradicare dal loro Convento donne anziane e malate vuol dire farle morire il giorno dopo. Purtroppo questa è la direttiva e in altri monasteri in tutta Italia le suore sono state fatte andar via. Sicuramente ci riproveranno, ma siamo determinati a impedirglielo perché le nostre domenicane, anche anziane e malate, significano tanto per Marradi”