Il Gruppo Consiliare SiamoMarradi ha presentato una proposta per installare degli adeguamenti impiantistici che consentano di compostare anche gli oggetti in plastica biodegradabile. 

Le bioplastiche sono l’ultima frontiera nel mondo delle plastiche ed hanno la caratteristica di provenire da sostanze vegetali e sono quindi biodegradabili. Così secondo i consiglieri di SiamoMarradi esse rappresentano un’opportunità innovativa da valorizzare, ma ad oggi chi gestisce il servizio rifiuti per il Comune risulterebbe non essere nelle condizioni di smaltire correttamente questi prodotti, trattandoli quindi come rifiuti indifferenziati a tutti gli effetti.

“Il Comune di Marradi – ha dichiarato Ridolfi – ha da tempo scelto e pubblicizzato di essere un Comune Plastic Free; le meritevoli dichiarazioni di intenti non trovano riscontro nella realtà dei fatti legati alle possibilità di effettivo smaltimento dei rifiuti”, in particolare delle bioplastiche appunto.

I Consiglieri Ridolfi, Bassetti, Brasino e Ridolfi M. , chiedono quindi al Sindaco di “interrogare la Regione Toscana, affinchè vengano imposti ai gestori, nel più breve tempo possibile, i necessari ed imprescindibili adeguamenti impiantistici che consentano di compostare anche gli oggetti in plastica biodegradabile e l’attivazione di un tavolo dedicato, che veda la partecipazione dei soggetti che a vario titolo sono coinvolti, per sviluppare, insieme a chi quei materiali li produce e commercializza, le modalità e le potenzialità del massimo riciclo, realizzando un progetto pilota avviando anche nuove sperimentazioni nella filiera del riciclo organico evitando così di vanificare gli sforzi che i cittadini sono disposti a compiere nel rispetto della strategia del plastic free”.