Oggi lunedì fabbriche e laboratori artigiani sono tornati al lavoro. Non è facile in questo momento d’emergenza. “Abbiamo riaperto – dice Massimo Capecchi presidente di CNA Mugello – ma c’è chi pensa a chiudere, almeno per qualche giorno, per mancanza d’ordini. La maggior parte pensa di ricorrere alla cassa integrazione. Il decreto approvato proprio oggi dà la possibilità di utilizzarla anche alle aziende con meno di 5 dipendenti. Vedremo da domani le modalità d’applicazione. E’ stata una delle richieste che come CNA, insieme alle altre associazioni, abbiamo fatto al Governo per dare un po’ di respiro alle tante piccole attività che anche in Mugello hanno dovuto chiudere o hanno poco lavoro. Ci raccomandiamo a tutte le aziende che continuano a stare aperte di applicare tutte le precauzioni del caso e di rispettare il protocollo firmato sabato da Governo, sindacati e imprenditori. Per ora andiamo avanti; ci aiuta il rinvio delle scadenze fiscali e per i contributi. I trasporti per la consegna e la spedizione delle merci funzionano, seppur a singhiozzo, e anche questo ci aiuta. Vediamo tra qualche giorno – conclude Capecchi – noi come CNA e come imprese ce la mettiamo tutta”. (P.M.)