Le proteste di Giannelli (Forza Italia)

Le Poste hanno deciso di chiudere molti uffici postali, specie quelli dei piccoli paesi. Anche in Mugello molti uffici risultano chiusi o con orari ridotti. Alcuni amministratori si sono dichiarati contrari a questa decisione delle Poste che porta ad affollamento nei pochi uffici rimasti aperti. Anche Giannelli, consigliere a Dicomano per gli azzurri, ha diffuso una nota di protesta

La situazione degli uffici postali in Mugello risulterebbe la seguente:

Borgo San Lorenzo chiusi Luco, Ronta e Panicaglia, l’uffico del capoluogo è aperto dal lunedì al venerdì dalle 8:20 alle 13:35 e il sabato dalle 8:20 alle 12:35;

Barberino di Mugello chiuso Galliano, l’uffico del capoluogo è aperto dalle 8:20 alle 13:35;

Scarperia e San Piero chiusi Scarperia e Sant’Agata, aperto San Piero;

Vaglia chiusi Bivigliano e Pratolino, aperto l’ufficio del capoluogo;

Marradi chiuso l’ufficio di Lutirano, aperto quello del capoluogo;

Firenzuola chiusi  Piancaldoli e Traversa, aperto il capoluogo:

Palazzuolo l’ufficio è aperto solo il lunedì, il mercoledì e il venerdì.

Per Giannelli è una “Decisione poco saggia e sorprendente specie se si pensa a quello che dispone il dpcm dell’11 marzo in tema di spostamenti dei cittadini al tempo del Coronavirus. È di tutta evidenza che meno uffici aperti equivale a necessità per i cittadini di spostarsi e di creare lunghe file nei pochi uffici postali aperti. A svantaggio della sicurezza”. Quella di Poste Italiane è una scelta assolutamente incomprensibile che non a caso è stata stigmatizzata duramente anche da Anci Toscana. Auspichiamo che Poste Italiane torni sui suoi passi, magari modulando orari e tipologia dei servizi, o riducendoli parzialmente. Ma riaprendo gli uffici chiusi. Ne va della salute e della sicurezza dei cittadini.” conclude Giannelli.