Cambia di nuovo il modulo di autocertificazione per gli spostamenti, assolutamente necessari, dei cittadini, alla luce del nuovo decreto del 22 marzo del presidente del Consiglio.
Il modulo deve essere presentato in caso di controllo da parte delle autorità. Nel nuovo modulo, si deve dichiarare oltre alla residenza anche il domicilio, nel caso sia differente, e occorre inoltre indicare da dove lo spostamento è cominciato e la destinazione.

Per quanto riguarda le motivazioni, restano le “comprovate esigenze lavorative”, i “motivi di salute” e la “situazione di necessità”, mentre la voce “assoluta urgenza” va a sostiuire  quella della precedente autocertificazione che recitava “rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza”, dopo appunto il DPCM che vieta i trasferimenti da un Comune all’altro.

Ecco il link a cui scaricare il nuovo modulo: https://www.interno.gov.it/sites/default/files/allegati/nuovo_modello_autodichiarazione_23.03.2020_compilabile.pdf