Palazzuolo è l’unico comune del Mugello dove il virus non è arrivato. Probabilmente uno dei pochi di tutta la Toscana, tanto è vero che è finito sotto i riflettori di televisioni regionali e nazionali.

Il Sindaco Phil Moschetti è soddisfatto, probabilmente stanco. In questi mesi d’emergenza si è trovato con un pesante doppio incarico di Sindaco di Palazzuolo e di Presidente dell’Unione dei Comuni del Mugello.

Sindaco si spiega in qualche modo come hanno fatto i palazzuolesi a rimanere immuni dal virus?

“E’ stata la paura. Confiniamo con l’Emilia Romagna e lì il virus ha battuto forte e subito. Ci siamo resi conto prima di altri in Mugello e in Toscana di cosa stava succedendo e abbiamo cercato di correre ai ripari. Già dal 4 marzo il distanziamento è stata la regola; sui marciapiedi e per strada si camminava separati. I negozi hanno messo delle grate alle porte. Il cliente non entrava, ordinava e la merce gli veniva passata attraverso la grata. Le aziende hanno da subito stabilito dei protocolli. Per le consegne il corriere non scendeva dal mezzo se non per lasciare merce e bolla davanti alla fabbrica. Anche la bolla veniva sanificata e lavorata solo qualche giorno dopo. Gli operai, ma l’abbiamo fatto tutti rientrando a casa, si sono spogliati sulla porta e subito hanno messo i vestiti in lavatrice con la varichina. La nostra casa di riposo ha chiuso i battenti già alla fine di febbraio. Le operatrici sono state bravissime; praticamente si sono “murate” dentro con gli anziani e ancora non fanno entrare nessuno. Non lo so quale di queste misure ci ha salvato, forse nessuna, forse tutte hanno contribuito. C’è andata bene e continuiamo così, pur avendo ripreso, dal 4 maggio, tante attività come in tutta Italia”.