Lorenzo Naldoni ha deciso di togliere le slot machine dal bar che gestisce a Palazzuolo e di sostituirle con uno scaffale pieno di libri e giochi da tavolo. C’è chi ha apprezzato il suo gesto. In particolare Roberto d’Ippolito, Presidente di “Politica ora”. Si tratta di un’associazione che si batte per il riutilizzo dei beno confiscati alla mafia, specie per promuovere la cultura, la formazione e la ricerca. E proprio in nome della cultura D’Ippolito, candidato alle prossime regionali, ha voluto arricchire lo scaffale di libri di Lorenzo, donandone altri. Una decina di volumi in tutto, tra saggi e opere letterarie (Ci sono anche la biografia di Nelson Mandela e il romanzo di Julio Cortazar Rayuela), che d’Ippolito ha voluto consegnare personalmente al titolare del bar Gentilini, Lorenzo Naldoni, dopo aver appreso della sua decisione di eliminare dal locale i video giochi.

«L’iniziativa di Naldoni è coraggiosa e intelligente. Va assolutamente sostenuta» ha detto D’Ippolito. «Ho deciso di incoraggiarlo con una piccola ma significativa donazione. I libri aprono la mente, a differenza di una slot machine che crea solo dipendenza e disastri economici».

Nella foto il bar gelateria Gentilini