Il Sindaco di Marradi Tommaso Triberti nel commemorare Sergio Zavoli, ha ricordato come il grande giornalista appena scomparso fosse cittadino onorario di Marradi e studioso e divulgatore delle opere di Dino Campana. Come si arrivò alla cittadinanza onoraria e perché Zavoli fu sempre molto vicino al paese della Romagna Toscana lo racconta Rodolfo Ridolfi che fu Sindaco di Marradi.

“Zavoli fu a Marradi per la prima volta nel ’56 e fece un servizio radiofonico molto importante su Dino Campana. Quando ero sindaco, grazie alla comune militanza socialista e ai rapporti che intrattenevo con lui fin da quando era Presidente della Rai, convinsi Zavoli ad accettare la Presidenza della  Centro Studi Campaniani Enrico Consolini. Zavoli è poi sempre rimasto Presidente della Giuria del Premio Dino Campana anche quando Matulli lo trasformò in  premio dell’ Associazione delle Città Campaniane che dopo un breve periodo chiuse i battenti. Zavoli era un buon conoscitore dell’opera di Dino Campana – ricorda ancora Ridolfi –  ed aveva intervistato molti marradesi che avevano conosciuto il “poeta maledetto”. Ha scritto anche un libro nel 1994 “I giorni della meraviglia: Campana ,Oriani, Panzini, Serra e i “Giullari della Poesia”, dove si possono leggere nella decina di pagine che dedica a Campana le sue interviste del ‘ 56  ai marradesi Don Pietro Poggiolini Nella Rivola, Maria e Pietro Cappelli, al Cav Buccivini Capecchi, Leo Consolini.. Fu a quel tempo che anche mio padre conobbe Sergio Zavoli”.