La scossa delle 4,37 di questa mattina, lunedì 9 dicembre, è stata avvertita in tutto il Mugello e in particolare a Barberino, Scarperia e San Piero. Altre scosse di minore entità si sono ripetute nel corso della mattina. La sala della protezione civile, attiva dalle 5,00, non segnala danni gravi. Lesionata la Chiesa di Barberino e alcune abitazioni private. Sono in corso controlli a tutti gli edifici pubblici. Tutte le scuole oggi restano chiuse. Riaperta invece la ferrovia Faentina, chiusa per precauzione e per effettuare i dovuti controlli.  A Barberino è stata aperta la palestra comunale per offrire un ricovero a chi non vuole o non può rientrate in casa. Alle 10,30 il Presidente della Regione Rossi sarà alla sala operativa di Barberino per una riunione con i responsabili della protezione civile.

In un comunicato la Misericordia Toscana fa sapere che “In questo momento (ore 8,10) stanno provvedendo con vigili del fuoco, carabinieri e altri volontari a effettuare una ricognizione in tutta la zona interessata dallo sciame sismico e soprattutto dalla forte scossa delle 4 e 37. Ci sono alcune case lesionate e anche la chiesa e la canonica di Barberino sono state dichiarate inagibili. Il centro di Barberino è praticamente vuoto, perché tutti sono ancora in strada. Ci segnalano qualche criticità in alcune frazioni periferiche e quella è la priorità per il momento: raggiungere tutte le frazioni, anche le più isolate, valutare la situazione ed eventuali necessità e nel caso lasciare un presidio per assistere le persone.” Tutte le Misericordie del Mugello sono in azione e la Federazione regionale delle Misericordie si sta coordinando con la Sala operativa della Regione Toscana per ulteriori interventi. (P.M.)