Procedura di accertamento per il comune di Vaglia da parte della Corte dei Conti, per “criticità o irregolarità gravi” relative agli anni 2015 e 2016. Lo riporta mercoledì 23 ottobre un articolo del quotidiano La Nazione sulla pagina del Mugello, spiegando che in seguito a questa, il Comune dovrà riaccantonare le risorse erroneamente destinate ad altri utilizzi. Nell’articolo il sindaco, Leonardo Borchi, spiega che si tratta di accertamenti che hanno colpito anche molti altri comuni, relativi ad anni nei quali c’era incertezza (poi chiarita dalla stessa Corte) sulle soluzioni contabili da adottare. E si danno anche delle cifre precise: “Inizialmente – spiega ancora Borchi su La Nazione – la Corte ci aveva contestato la somma di 660 mila euro, poi ridotti a 333 mila, da riaccantonare in cinque anni”.

Le richieste sono state comunicate mercoledì in Consiglio Comunale, poi nella seduta successiva sarà portata in approvazione la delibera per il recupero delle somme. Per le opposizioni Sandro Corona, della lista “Insieme”, spiega nello stesso articolo: “Siamo in attesa che il sindaco ci riferisca come intende affrontare la situazione, che si prospetta critica, nella speranza che il piano di rientro, visto che l’errore c’è stato, non ricada nelle tasche dei cittadini”.