Il capogruppo di Centrodestra Dicomano Giampaolo Giannelli commenta, attraverso un comunicato, la situazione di disagio in cui versano quotidianamente i pendolari e propone l’istituzione di un Comitato a loro difesa

“Crisi di governo ok… ma anche i pendolari sono sempre più in crisi! Siamo tutti presi a commentare le vicende nazionali, con questa crisi di governo paradossale per certi aspetti e della quali contorni e sviluppi risultano nebulosi – scrive Giampaolo Giannelli, capogruppo di Centrodestra Dicomano e Responsabile Val di Sieve Forza Italia -. Ma ci troviamo, purtroppo, ancora una volta, a dover parlare di quanto sta accadendo ai poveri pendolari che si trovano un’odissea dietro l’altra. E dopo le vicende che hanno toccato il trasporto su gomma, si torna al sempreverde Trenitalia!

Dopo le disavventure del 20 agosto, con guasto al passaggio a livello di Rufina e annesse situazioni di disagio e ritardo che si sono protratte nell’arco della giornata, la mattina di mercoledi 21 agosto si è aperta all’insegna dello stesso problema, con treno bloccato a lungo tra Rufina e Pontassieve. E ancora quindi vi sono state le continue ripercussioni sulla disgraziatissima linea Borgo San Lorenzo – Firenze via Pontassieve.

Posto quindi che l’incontro tenutosi nei mesi scorsi tra RFI Trenitalia, Regione e Sindaci non è servito assolutamente a niente, emerge in tutta la sua chiarezza la necessità di dare vita subito al Comitato Pendolari Valdisieve. Un comitato che deve essere solido, ben strutturato, dal quale la politica deve rimanere fuori ma al quale siamo pronti a dare pieno sostegno in tutte le forme e in ogni modalità possibile e immaginabile. Perchè la situazione oramai è diventata indecente e non si può più pensare solo a sterili riunioni improduttive.

I pendolari esigono rispetto, visto che stipulano, sottoscrivendo un abbonamento, regolare contratto con Trenitalia, che è gravemente inadempiente. E non si può pensare – conclude Giannelli – che tutto si risolva con un ridicolo bonus di rimborso”.