C’è una rinnovata attenzione da parte del comune di Vicchio alla questione ambientale. A partire dagli atti di indirizzo politico come l’approvazione unanime del Consiglio Comunale alle iniziative contro i cambiamenti climatici tanto che il comune di Vicchio ha dichiarato, simbolicamente, lo stato di Emergenza Climatica e Ambientale. Non solo: la mozione, presentata dal gruppo di maggioranza ”Centrosinistra per Vicchio”, prevedeva anche il sostegno della candidatura al premio Nobel per la Pace di Greta Thunberg, simbolo giovane e genuino della protesta mondiale per i cambiamenti climatici. L’amministrazione ha, quindi, iniziato un importante percorso di sensibilizzazione e responsabilizzazione propria, del paese e della cittadinanza nei confronti delle tematiche ambientali. Lo testimoniano l’adesione da parte della Giunta e del Consiglio Comunale al progetto ”Plastic Free”, l’organizzazione dell’iniziativa ”Puliamo il nostro paese” nei primi giorni di settembre e la mozione ”Un albero per ogni nato” che verrà discussa il 27 settembre in Consiglio Comunale. Gli atti politico-amministrativi sono sicuramente importanti perchè indicano quale strada si intende percorrere – e la scelta di Vicchio è chiara – ma condizione indispensabile è che vi sia una adesione personale da parte di ciascuno ed un cambiamento nello stile di vita.

“Il ritmo di consumo, di spreco e di alterazione dell’ambiente ha superato le possibilità del pianeta, in maniera tale che lo stile di vita attuale, essendo insostenibile, può sfociare solamente in catastrofi, come di fatto sta già avvenendo periodicamente in diverse regioni” (Papa Francesco, Lettera Enciclica “Laudato sì”).