“Da anni nel nord della Siria le milizie curde lottano per fermare le forze dell’ Isis e, nonostante lo sforzo bellico, sono riuscite a formare nel contempo una forma democratica di società civile all’avanguardia non solo nel Medio Oriente ma anche se raffrontata con le democrazie occidentali – si legge nella mozione presentata dal Gruppo Consiliare di Vicchio Officina 19 –. Mentre esercitavano questo importantissimo ruolo di argine all’avanzata del Califfato, hanno dovuto subire gravi attacchi da parte dello stato turco che non vuol riconoscere alcuna identità al popolo curdo e cerca da sempre di limitarne libertà, autodeterminazione e rappresentanza politica. Il recente disimpegno militare da parte dell’amministrazione americana presieduta da Donald Trump ha fatto ripiombare la zona in uno stato di estrema instabilità e la Turchia ha subito approfittato per ricominciare nella sua opera di persecuzione e bombardamento del popolo curdo residente nel Rojava e zone limitrofe di confine nel nord della Siria”. In base anche alla recente intitolazione di una stanza del Circolo del Cistio al fiorentino Lorenzo Orsetti, caduto mentre combatteva come volontario internazionale tra le file curde, il Gruppo Consiliare chiede  che l’amministrazione e il Consiglio Comunale facciano sentire in ogni sede istituzionale e con ogni mezzo necessario il proprio appoggio al popolo curdo e alle milizie di Liberazione della Federazione Democratica del Rojava e la propria ferma condanna all’azione criminale perpetrata ancora una volta dalla Turchia del presidente Erdogan. “Proponiamo come prima forma di appoggio alla Resistenza curda un appello firmato dalla Giunta e dal Consiglio Comunale di Vicchio – conclude il Gruppo – da inoltrare alla Presidenza della Repubblica Italiana, agli organismi europei e atlantici che dovrebbero garantire la pace in quella zona del pianeta”.